Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA MANOVRA

Web tax anche per l’e-commerce. E già dal 2018

La commissione Bilancio della Camera pronta a modificare il testo uscito dal Senato: si punta a strutturare un’imposta su tutte le transazioni digitali. Incasso stimato tra i 600 e gli 800 milioni

11 Dic 2017

Federica Meta

Giornalista

Web tax già dal 2018 ed estesa anche all’e-commerce. L’ampliamento consentirebbe di ridurre il prelievo fissato al 6% (previsto dalla proposta Mucchetti) per chi opera oltre confine: secondo i calcoli della Ragioneria dello Stato un solo punto percentuale applicato a tutte le transazioni, e- commerce incluso, garantirebbe oltre 600 milioni su base annua. Con un’aliquota del 2% il gettito raddoppierebbe, di molto superiore ai 114 milioni con la cedolare del 6% sulle sole prestazioni di servizi. Sono queste le modifiche a cui sta lavorando la Camera in vista dell’approvazione della manovra. Ora, come stabilito dall’emendamento Mucchetti, la tassa verrebbe applicata solo alla prestazione dei servizi immateriali B2B e non al commercio elettronico.

Entrando nel dettaglio del lavoro della Camera, Boccia – risulta a CorCom – vorrebbe trasformare la tassa in una imposta sulle transazioni digitali, includendo anche il commercio elettronico, compreso quello B2C. In questo modo ci si attende un gettito tra i 600 e gli 800 milioni annui (fino a 4 volte superiore a quello atteso da Palazzo Madama).

Dalle regole rimarrebbero esonerate  per start-up e micro-imprese e dunque resterebbe comunque l’esclusione per i soggetti minimi e quelli in regime forfettario o di vantaggio.

La Camera comunque lavora a una forte semplificazione: motivo per cui si punta a cancellare il ruolo attribuito alle banche di sostituti d’imposta e il credito d’imposta riconosciuto alle imprese italiane o con stabile organizzazione per evitare ulteriori tassazioni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
francesco boccia
W
web tax

Articolo 1 di 5