Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OVER THE TOP

Web tax, Gozi: “Aziende digitali paghino dove fanno profitti”

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio: “La tassazione dell’economia digitale è un tema che richiede ancora molto impegno e lavoro nell’Ue e nell’Ocse. Ma l’Europa deve procedere anticipando e incoraggiando anche i lavori Ocse”

17 Ott 2017

“Non esiste un’Europa digitale se non è accompagnata da tutela e giustizia sociale per tutti i lavoratori e i contribuenti – ha detto Sandro Gozi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega agli Affari e Politiche europee -. Sappiamo bene che la tassazione dell’economia digitale è un tema che richiede ancora molto impegno e lavoro nell’Ue e nell’Ocse, ma l’Unione Europea deve procedere anticipando e incoraggiando anche i lavori Ocse”.

“Noi Democratici e Socialisti europei – dice Gozi al summit Consiglio Affari Generali Pes a Strasburgo, per preparare la discussione del Consiglio europeo di giovedì.- sosteniamo da sempre la tassazione dei profitti dove questi sono creati. Difenderemo questo principio e ci assicureremo che ogni azienda, sia digitale che tradizionale, paghi la sua equa quota di tasse”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

G
gozi
W
web tax

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link