L'INIZIATIVA

Women empowerment, Sparkle spinge sulle competenze Stem nel Sud Italia

La società al fianco della Fondazione Ortygia, in qualità di main partner per la Sicilia. Progetti di mentoring individuale per 15 universitarie. L’Ad Elisabetta Romano: “Fondamentale impegnarsi in progetti che favoriscono l’incontro e lo scambio fra le studentesse e le aziende”

10 Ott 2022

Mi Fio

Sparkle-Elisabetta-Romano

Favorire la crescita personale e professionale delle studentesse universitarie del Sud Italia. Sparkle rafforza il sostegno allo “Young Women Empowerment Program”, iniziativa promossa dalla Fondazione Ortygia, offrendo alle studentesse siciliane un’esperienza di mentoring internazionale e interculturale.

“Rinnoviamo con convinzione la collaborazione con la Fondazione Ortygia e siamo felici di ampliarla includendo le nostre manager internazionali nel progetto di mentoring”, sottolinea Elisabetta Romano, amministratore delegato di Sparkle. “Crediamo che nel nostro Paese, che ha tra le più alte percentuali di laureate in materie economiche e scientifiche a livello europeo ma una delle più basse presenze femminili nella forza lavoro effettiva, sia fondamentale impegnarsi in progetti quali Yep che favoriscono l’incontro e lo scambio fra le studentesse e le aziende, con vantaggio reciproco”.

L’adesione al progetto Yep si inserisce nel più ampio impegno di Sparkle e del Gruppo Tim per lo sviluppo della presenza femminile e la riduzione della disparità di genere nel mondo del lavoro.

Gli obiettivi di Young Women Empowerment Program

Nato da un’idea di Lucrezia Reichlin, Presidente e Co-Fondatrice della Fondazione Ortygia, Young Women Empowerment Program intende offrire alle nuove generazioni strumenti utili per orientare le scelte accademiche e di carriera, valorizzare il merito e promuovere ambizione e fiducia nel futuro. Quindici studentesse siciliane iscritte a corsi di laurea magistrale in materie economiche e scientifiche presso le Università di Palermo, Catania e Messina saranno affiancate da altrettante manager in un percorso di mentoring individuale. In questa edizione, per la prima volta, il programma prevede la partecipazione di mentor provenienti dalle sedi estere di Sparkle, offrendo un’esperienza internazionale e l’opportunità di sviluppare competenze linguistiche e interculturali che giocano ormai un ruolo cruciale in ambito professionale.

WHITEPAPER
Smart working: perché conviene avere i device giusti
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Grazie allo scambio e al confronto con le mentor, le studentesse, oltre ad acquisire consapevolezza del proprio potenziale per proporsi nel mondo del lavoro con più determinazione, potranno entrare in contatto con una realtà lavorativa ad alto contenuto tecnologico, con vocazione internazionale ma solide radici nel territorio, e avere accesso alle campagne di recruiting in Sicilia promosse da Sparkle.

I poli di Palermo e Catania cuore dell’Hub Mediterraneo

Attraverso i due poli di Palermo e Catania, Sparkle ha sviluppato il principale Hub internet del Mediterraneo, cuore dell’innovazione tecnologica e porta di scambio del traffico dati tra Europa, Africa, Medioriente e Asia. Il capoluogo della regione ospita il Sicily Hub, data center neutrale di ultima generazione, mentre a Catania ha sede il Sicily Lab, data center iper-convergente e laboratorio d’innovazione tecnologica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2