IL CASO

Xerox alza il tiro su Hp: pronta un’offerta da 33 miliardi

Lo specialista delle soluzioni di printing e imaging è riuscito a raccogliere finanziamenti per 24 miliardi di dollari per acquisire la storica società, che finora ha respinto qualsiasi ipotesi di fusione

07 Gen 2020

D. A.

Xerox sta intensificando i suoi tentativi di acquisire Hp. Ieri il colosso della stampa e dell’imaging ha infatti dichiarato di aver messo insieme una serie di accordi di finanziamento per contribuire a sostenere operazioni di crescita non organica.

Uno “sforzo impressionante” da parte di Xerox

In una lettera inviata a Enrique Lores e Chip Bergh, rispettivamente amministratore delegato e presidente di Hp, Xerox ha dichiarato di aver ottenuto il supporto di Bank of America, Citigroup e Mizuho Financial Group per prestiti di 24 miliardi a sostegno della sua offerta di acquisizione. L’attuale proposta di Xerox attribuisce ad Hp un valore di circa 33 miliardi di dollari. La lettera, firmata dal Ceo di Xerox John Visentin, è stata anche pubblicata sul sito Web del gruppo.

Visentin ha affermato che Xerox ha parlato con molti dei maggiori azionisti di Hp nelle ultime settimane ritenendo di ottenere supporto per l’acquisizione proposta.

“Resta chiaro a tutti noi che riunire le nostre società genererebbe sinergie sostanziali e un flusso di cassa significativamente migliorato che potrebbe, a sua volta, consentire maggiori investimenti in innovazione e maggiori rendimenti per gli azionisti”, ha affermato Visentin.

Rob Enderle, direttore della società di ricerca tecnologica Enderle Group, ha affermato che l’ammontare dei finanziamenti messi a disposizione di Xerox sono segno di uno “sforzo impressionante” da parte dell’azienda per ottenere un accordo. Tuttavia, Enderle, trattandosi di un tentativo di acquisizione non richiesto da parte di Hp, è scettico sul successo di un potenziale affare.

WHITEPAPER
Pagamenti digitali: come ottimizzare la gestione delle spese aziendali centralizzate?
Finanza/Assicurazioni
Pagamenti Digitali

“Questo finanziamento mostra un livello quasi folle di accettazione del rischio da parte delle entità finanziarie”, ha affermato Enderle.

I tentativi di Xerox e le resistenze di Hp

Xerox ha cominciato a rivolgersi ad Hp con un’offerta di acquisto a novembre. Finora Hp ha rifiutato tutte le avances di Xerox sostenendo che i termini non hanno valutato la società correttamente. Hp ha anche messo in dubbio la capacità finanziaria di Xerox di sostenere un’acquisizione e ha osservato come la capitalizzazione di mercato di Hp (30 miliardi) superi di gran lunga quella di Xerox (7,8 miliardi).

All’inizio di dicembre Xerox ha dichiarato che avrebbe portato la sua offerta direttamente agli azionisti di Hp, ponendo le basi per una potenziale lotta per procura alla prossima riunione annuale di Hp. Ieri invece Visentin ha fatto marcia indietro dicendo che è disposto a incontrare di persona Lores e Bergh, con o senza i consulenti finanziari di Hp, per iniziare le discussioni su un accordo.

Secondo la stampa internazionale specializzata, Gene Munster, amministratore delegato di Loup Ventures, ha dichiarato che l’accordo potrebbe concludersi a causa di fattori di mercato e del sentimento degli investitori di entrambe le società. “Penso che l’accordo abbia senso per entrambe le aziende dato che insieme gestiranno i mercati della stampa di fascia alta e bassa”, ha detto Munster. “Poiché il settore cresce lentamente, gli investitori dovrebbero dare il benvenuto all’accordo, dato che i risparmi sui costi dovrebbero consentire agli utili di aumentare più rapidamente dei ricavi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2