Xiaomi entra nella lista nera di Trump e crolla in Borsa - CorCom

TRADE WAR

Xiaomi entra nella lista nera di Trump e crolla in Borsa

Il produttore cinese di smartphone ufficialmente sottoposto all’ordine esecutivo che impedisce agli investitori americani di acquistare azioni o titoli correlati di qualsiasi società designata dal Dipartimento della Difesa come implicata in operazioni militari. Il titolo dell’azienda arriva a perdere oltre il 10%

15 Gen 2021

Domenico Aliperto

L’amministrazione Trump ha inserito il produttore di smartphone Xiaomi alla lista nera che include le compagnie sospettate di collaborare con le forze armate cinesi. La mossa sottopone Xiaomi a un ordine esecutivo di novembre che impedisce agli investitori americani di acquistare azioni o titoli correlati di qualsiasi società designata dal Dipartimento della Difesa come implicata nelle operazioni militari cinesi. L’ordine esecutivo iniziale di Trump è stato successivamente ampliato per costringere gli investitori a cedere o vendere le partecipazioni interessate entro l’11 novembre di quest’anno. La notizia ha avuto un immediato impatto in borsa: stamani le azioni dell’azienda cinese, quotate a Hong Kong, sono scese del 10,6% in apertura.

“Il Dipartimento della Difesa è determinato a evidenziare e contrastare la strategia di sviluppo della fusione militare-civile della Repubblica popolare cinese, che supporta gli obiettivi di modernizzazione dell’Esercito popolare di liberazione garantendo il suo accesso a tecnologie avanzate e competenze acquisite e sviluppate da anche quelle aziende della Repubblica, università e programmi di ricerca che sembrano essere entità civili “, ha dichiarato il ministero.

La presa di posizione di Xiaomi

Xiaomi è per l’appunto una delle nove entità designate come “società militari cinesi comuniste” (tra cui figurano anche Huawei, il produttore di semiconduttori Smic e il costruttore aeronautico Comac), ma il gruppo ha rimandato le accuse al mittente precisando di non essere collegata all’esercito cinese.

WHITEPAPER
Scopri gli strumenti da adottare per una completa digitalizzazione e diventare azienda data-driven
Digital Transformation

La Società ribadisce di fornire prodotti e servizi per uso civile e commerciale. La Società conferma di non essere di proprietà, controllata o affiliata all’esercito cinese e di non essere una “Compagnia militare cinese comunista” definita dal National Defense Authorization Act“, ha affermato Xiaomi. Il National Defense Authorization Act del 1999 è la legislazione utilizzata dagli Stati Uniti per designare Xiaomi come azienda militare cinese. Come riportato da Cnbc, Xiaomi ha affermato che “intraprenderà azioni appropriate per proteggere gli interessi della Società e dei suoi azionisti”.

“Per Xiaomi, ora è tutto in gioco”, ha detto alla Cnbc Abishur Prakash, uno specialista geopolitico presso il Centre for Innovating the Future, società di consulenza con sede a Toronto. “Essendo stato inserito nella lista nera, è ora considerato una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Ciò potrebbe influire sulla sua strategia globale, dall’espansione in mercati come l’India all’assunzione di talenti occidentali al lancio di nuovi prodotti in Africa “.

La spallata finale di Trump alla tecnologia cinese

Gli ultimi giorni della presidenza Trump hanno visto l’amministrazione aumentare la pressione sul settore tecnologico cinese. Giovedì, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha finalizzato le regole che vieterebbero determinate transazioni che coinvolgono tecnologie o servizi di informazione e comunicazione con paesi che Washington designa come avversari stranieri. La Cina è ovviamente tra questi.

L’amministrazione ha anche dato vita alla Entity List, che ha l’obiettivo di limitare le società americane che esportano tecnologia a società cinesi. Ciò ha colpito in particolare Huawei e ha visto la società tagliata fuori dal sistema operativo mobile Android di Google, danneggiando le sue vendite di smartphone nei mercati al di fuori della Cina. Xiaomi non è stata inserita nella Entity List. A questo punto non è chiaro se la designazione militare degli Stati Uniti influenzerà la capacità del produttore di telefoni di acquistare componenti chiave come i semiconduttori. Gli smartphone Xiaomi, infatti, si basano su chip dell’azienda americana Qualcomm.

“Se Xiaomi non è ancora nella Entity List e le forniture continuano senza sosta, almeno le sue operazioni possono continuare per ora”, ha detto Bryan Ma, vice presidente della ricerca sui dispositivi presso Idc, facendo ipotesi su quello che secondo Counterpoint Research è stato il terzo produttore di smartphone al mondo nel terzo trimestre del 2020.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3