Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LO SBARCO

Xiaomi, la Apple cinese alla conquista dell’India

Annunciata l’apertura di un centro di ricerca e sviluppo a Bangalore. Obiettivo: aprirsi a nuovi scenari commerciali e continuare l’inseguimento al colosso di Cupertino

28 Ago 2014

A.S.

Xiaomi, azienda conosciuta nel mondo come la “Apple” del mercato cinese, mira a conqiustare nuovi terreni di espansione e apre un nuovo centro di ricerca e sviluppo in India, a Bangalore. Un posizionamento strategico, dal momento che la penisola asiatica rappresenterà nel 2015 il terzo mercato mondiale nel settore degli smartphone.

Il nuovo insediamento potrebbe rappresentare per Xiaomi un punto di partenza per espandersi in nuove aree, lanciando la sfida al colosso di Cupertino.

Il mercato degli smartphone in India negli ultimi due anni è cresciuto ad un ritmo molto sostenuto, e si prevede che entro la fine del 2014 India e Cina da sole conteranno su 508 milioni di telefoni, mentre gli utenti di smartphone di tutto il mondo dovrebbero raggiungere quota 1,75 miliardi. Secondo le ultime proiezioni di mercato, il totale degli utenti di telefonia mobile saranno circa 4.550 miliardi nel 2014, per arrivare ai 5 miliardi entro il 2017.