Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Yahoo! dà il benservito a Carol Bartz

Il board ha deciso di sostituire la manager al timone del motore da tre anni. Il mancato decollo della raccolta pubblicitaria e soprattutto l’incapacità di contrastare l’avanzata di Google le principali ragioni alla base del licenziamento. Alla guida della società nominato temporaneamente il Cfo Tim Morse

07 Set 2011

Finisce prima del tempo il lavoro di Carol Bartz alla guida di
Yahoo!. Il ceo del motore di ricerca, nominato tre anni fa, è
stata infatti licenziata e il suo posto è stato occupato ad
interim dall’attuale direttore finanziario Tim Morse, in attesa
che il board scelga un nuovo timoniere.

Il presidente della società Roy Bostock e il cofondatore di Yahoo!
Jerry Yang, già ceo prima della nomina della Bartz, hanno deciso
di rimuovere la manager con l’obiettivo di riportare Yahoo! agli
antichi fasti, quando prima del consolidamento di Google, era
leader del searching. Secondo indiscrezioni apparse sulla stampa
Usa, la Bartz non si aspettava di essere licenziata, tanto più che
il suo contratto sarebbe scaduto tra oltre un anno.

L'uscita di scena del ceo arriva in un momento di difficoltà
per la società che, nonostante abbia alcune delle pagine più
frequentate del Web – sport e spettacoli soprattutto – fatica nella
raccolta pubblicitaria e, quindi, a tenere il passo con il gigante
di Mountain View. E proprio lo stallo nell’advertising avrebbe
fatto perdere la pazienza agli investitori, stanchi di aspettare i
grandi risultati promessi dalla Bartz al momento del suo
insediamento e mai raggiunti.

In una email inviata ai dipendenti la Bartz ha scritto: “Sono
molto triste nell’annunciarvi che sono stata appena licenziata al
telefono dal presidente di Yahoo!. È stato un vero piacere
lavorare con tutti voi”.