IL GIRO D'AFFARI

YouTube, per l’industria musicale 6 miliardi di extra ricavi

È quanto annuncia il capo globale della divisione Music Lyor Cohen. Due miliardi in più in un solo anno. La piattaforma punta a fare del modello “a doppio binario” – annunci pubblicitari e servizi premium – la principale fonte di revenue per il comparto entro il 2025

13 Set 2022

Mi Fio

youtube

L’industria musicale ha incrementato i propri introiti per 6 miliardi grazie agli strumenti messi a disposizione da YouTube. Con una crescita di due miliardi rispetto allo scorso anno. È quanto annuncia Lyor Cohen, Global Head of Music di YouTube aggiungendo che la piattaforma punta a fare del modello “a doppio binario” – annunci pubblicitari e servizi premium – la principale fonte di revenue per il comparto entro il 2025.

Come sta evolvendo l’industria musicale

“Mentre il nostro modello a doppio binario continua a “fare musica”, assistiamo a importanti cambiamenti nell’industria musicale. Noi dobbiamo accompagnare questo movimento e far sì che YouTube sia il luogo migliore per tutti i fan della musica”, spiega il manager evidenziando che “YouTube monetizza tutti i formati musicali (video short e long, tracce audio, live) su tutti i supporti (desktop, tablet, dispositivi mobili e TV), in oltre 100 paesi” e che “il tempo di visualizzazione complessivo dei contenuti musicali di YouTube su computer, dispositivi mobili e TV continua a crescere anno su anno”.

WHITEPAPER
I trend che stanno trasformando strumenti e processi nel Monitoring
Digital Transformation
Finanza/Assicurazioni

La monetizzazione degli Shorts

“Siamo stati anche pionieri anche nell’introduzione della monetizzazione per i contenuti generati dagli utenti (gli user generated content, o Ugc), che sapevamo sarebbero potuti diventare un grande driver di crescita per tutto il settore.  Gli Ugc hanno generato più del 30% degli introiti per artisti, autori e titolari dei diritti per il secondo anno di fila. Gli Shorts hanno generato 30 miliardi di visualizzazioni al giorno, con 1,5 miliardi di utenti registrati ogni mese e siamo solo all’inizio”, sottolinea Cohen annunciando che oltre al Fondo da 100 milioni di dollari YouTube Shorts “stiamo lavorando a soluzioni di monetizzazione di lungo periodo per gli Shorts, e presto avremo altri aggiornamenti da condividere”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
musica
Y
youtube

Articolo 1 di 5