Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

zEnterprise, così Ibm rivoluziona il mainframe

Lanciato il nuovo mega-server che riesce a gestire come su un unico sistema carichi di lavoro diversi. Costato 1,5 miliardi di dollari in R&S. L’azienda: “Il sistema più efficiente e potente in termini energetici mai realizzato”

22 Lug 2010

Il data server diventa più intelligente. La novità arriva da Ibm
che presenta il server mainframe zEnterprise, architettura di
sistemi nella quale i carichi di lavoro su mainframe, sistemi
Power7 e x86 possono condividere risorse ed essere gestiti come un
unico sistema virtualizzato. Il nuovo mainframe, specifica
l'azienda, è anche il sistema più potente ed efficiente in
termini energetici mai realizzato. Con la nuova tecnologia – è il
risultato di un investimento di oltre 1,5 miliardi di dollari in
R&S e oltre tre anni di collaborazione con i principali clienti
mondiali – Ibm punta ad affrontare la concorrenza di Oracle e Intel
sul mercato dei grandi data center.

Qualche ragguaglio tecnico: la nuova architettura zEnterprise
associa il nuovo mainframe (z196) alla nuova tecnologia Ibm
zEnterprise BladeCenter Extension e Ibm zEnterprise Unified
Resource Manager, per poter gestire i carichi di lavoro eseguiti
tra System z, Power e System x. I clienti possono così integrare
la gestione delle risorse zEnterprise come se fossero un unico
sistema ed estendere le caratteristiche uniche del mainframe, quali
i livelli ultra-elevati di affidabilità e sicurezza, ai carichi di
lavoro eseguiti su server blade IbmPOWER7 e System x
selezionati.

Grazie alla capacità di gestire i carichi di lavoro tra vari
sistemi come se fossero uno, zEnterprise consente una riduzione dei
costi di acquisizione fino al 40% e del Tco del 60%.

In questo modo si getta un ponte verso le esigenze dei clienti:
“I data center – dice Ibm – sono sempre più un insieme complesso
di tecnologie eterogenee stratificate nel corso del tempo. La
gestione di applicazioni specifiche che operano in compartimenti
stagni, talvolta incapaci di comunicare tra loro in tempo reale,
richiedono personale e tool software addizionali per la loro
gestione. Anche se non si tratta di un problema nuovo per le
aziende, ora il costo e la complessità stanno aumentando in
maniera esponenziale vista la crescita del volume delle
informazioni e di carichi di lavoro sofisticati, ad alta intensità
di dati”.

Ad esempio, utilizzando zEnterprise System con zEnterprise
BladeCenter Extension e Ibm zEnterprise Unified Resource Manager,
una società di servizi finanziari, che gestisce le transazioni
delle carte di credito sul mainframe e usa un blade Ibm ottimizzato
per la business analitycs, può acquisire elementi di conoscenza
dalle informazioni in frazioni di secondo, anziché aspettare ore
perché i due sistemi disparati integrino i loro database.

Secondo le stime di Ibm, per query di database complesse sarà
possibile avere un miglioramento di prestazioni fino a 10 volte in
questo ambiente ibrido. Inoltre la società di servizi finanziari
potrà estendere le qualità esclusive del mainframe, sempre
attivo, ultra sicuro e affidabile, alle sue applicazioni di
customer service gestite su blade Ibm.