Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'OPERAZIONE

Zuckerberg vende quote Facebook. E incassa 296 milioni di dollari

Dopo la crisi del 2018 dovuta ai nodi privacy il ceo riprende la vendita di azioni. Serviranno a finanziare le attività filantropiche

23 Ago 2019

L. O.

Ammonta a 296 milioni di dollari il valore delle azioni di Facebook vendute in agosto da Mark Zuckerberg. Nel corso dell’anno ne ha vendute 2,9 milioni per un valore di oltre 526 milioni.

Molto? No. Meno del previsto. Nel 2017 il Ceo dell’azienda aveva infatti annunciato di aver programmato per i 18 mesi successivi la vendita complessiva di azioni per un numero tra i 35 e i 75 milioni così da poter finanziare le attività filantropiche. Ma gli scandali per la violazione privacy, in primis Cambridge Analytica, le azioni vendute sono state nel 2018 “solo” 28,9 milioni per oltre 5,3 miliardi di dollari.

Zuckerberg possiede ancora oltre 375 milioni di azioni Facebook con un valore attuale di oltre 68 miliardi di dollari, rendendolo la quinta persona più ricca del mondo, dietro a Jeff Bezos, Bill Gates, Bernard Arnault e Warren Buffett.

Zuckerberg, 35 anni, vende regolarmente parti della sua fortuna su Facebook per finanziare la Chan Zuckerberg Initiative, l’organizzazione filantropica che gestisce con la moglie Priscilla Chan. La fondazione finanzia programmi di scienza e istruzione, oltre a sostenere tematiche sociali con azioni che riguardano la giustizia penale, la disponibilità di case per i meno abbienti e la riforma dell’immigrazione.

Le vendite di azioni sono permesse da una norma stabilita dalla Securities and Exchange Commission che consente ai manager di società di cedere una quantità predeterminata di azioni in determinati periodi. La struttura azionaria di Facebook consente a Zuckerberg di mantenere il controllo del voto sulle decisioni strategiche della società anche in caso di vendita di parti significative della sua partecipazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
mark zuckerberg

Aziende

F
facebook

Approfondimenti

M
mercati

Articolo 1 di 2