Dell Boomi, ecco le nuove opportunità di business per le aziende data driven - CorCom

DIGITAL360 AWARDS 2021

Dell Boomi, ecco le nuove opportunità di business per le aziende data driven

Il progetto “Data Service Platform” integra l’ecosistema applicativo e permette di offrire servizi a valore aggiunto. Prima sperimentazione per un cliente del settore delle macchine movimento terra

12 Ago 2021

A. S.

Leggere e interpretare i dati provenienti dalle macchine per l’elaborazione delle informazioni in tempo reale, introducendo i principi di data quality grazie a una repository centrale automaticamente aggiornata, e gestire i processi per la risoluzione di problemi che comportano il fermo macchina creando dei workflow automatizzati per l’analisi dei dati. Sono le principali caratteristiche del progetto “Data Service Platform” realizzato da Dell Boomi per un’azienda di vendita, noleggio e assistenza di macchine movimento terra e relative attrezzature, tra i finalisti dei Digital360 Awards 2021 nella categoria Internet of Things & Big Data Analytics. Si tratta di un progetto che è in questo momento in fase di implementazione e che stato suddiviso in fasi gestite in modalità agile, con un proof-of-concept funzionante delle dashboard e dei workflow operativi.

La soluzione nasce dalla necessità del cliente di evolvere verso una data-driven company, automatizzando e analizzando i dati in tempo reale delle scatole nere, integrando l’ecosistema applicativo e digitalizzando i processi, con la possibilità di offrire grazie a questo approccio nuovi servizi a valore.

Gestendo in modo centralizzato tutte le informazioni e l’automatizzazione dei flussi, è infatti possibile dare vita a un pannello di controllo che sia in grado di identificare le problematiche ricorrenti o che necessitano di interventi urgenti, analizzando in tempo reale e nel dettaglio ogni singolo guasto.
Tra le caratteristiche principalli di questo progetto c’è la gestione “event driven” delle informazioni raccolte dalle macchine movimento terra, che vengono arricchite da quelle che provengono dagli altri sistemi di business: un sistema grazie al quale si può automatizzare la gestione delle problematiche, con un taglio sostanziale dei tempi di presa in carico e di risoluzione di guasti e anomalie.

Per aumentare la qualità delle informazioni gestite e il livello di servizio, inoltre, la dashboard sarà estesa alla rete territoriale di supporto e ai clienti.

Grazie a questo approccio l’azienda potrà inoltre identificare e adottare nuovi modelli di business ritagliati sulle esigenze e necessità del cliente finale, ad esempio nuove offerte commerciali basata sul modello di Pay-per-Use o nuovi servizi digitali a valore.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4