Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROVVEDIMENTO

Cybersecurity, la Ue si blinda contro gli hacker

Il Consiglio dell’Unione Europea adotta formalmente il meccanismo di sanzioni contro i pirati informatici che sferrano attacchi verso l’Unione o gli Stati membri. Tra le pene anche il divieto di spostarsi nell’area comunitaria

17 Mag 2019

A. S.

Un meccanismo di sanzioni mirate contro gli hacker e chi è responsabile, anche come mandante o finanziatore, di attacchi informatici contro l’Unione o gli Stati membri. E’ il provvedimento che è stato adottato formalmente dal Consiglio dell’Ue, che prevede misure restrittive come il divieto di viaggi verso l’Ue o il congelamento dei beni.

In prima linea tra i promotori dell’iniziativa ci sono Olanda e Regno Unito, che hanno voluto reagire dopo lo sventato attentato informatico contro l’Agenzia per la proibizione delle armi chimiche (Opac) che risale a ottobre 2018.

Nello specifico il Consiglio europeo ha istituito un quadro che consente all’UE di imporre misure restrittive con l’obiettivo di scoraggiare e contrastare gli attacchi informatici, compresi quelli che prendono di mira Stati terzi e organizzazioni internazionali, purché le sanzioni siano ritenute necessarie per conseguire gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune.

Tra gli attacchi informatici che potranno essere puntiti in base a questo provvedimento figurano quelli che produrranno effetti significativi e che provengano o sono sferrati dall’esterno dell’UE, o che impieghino infrastrutture esterne all’UE, o che ancora siano compiuti da persone o entità stabilite o operanti al di fuori dell’UE, o che siano commessi con il sostegno di persone o entità operanti al di fuori dell’UE.

Nel mirino del provvedimento per la cybersecurity finiscono non soltanto gli attacchi effettivamente sferrati e riusciti, ma anche quelli che abbiano potenzialmente effetti significativi. Così per la prima volta potranno essere inflitte sanzioni a persone o entità responsabili di attacchi informatici o tentati attacchi informatici, che forniscono sostegno finanziario, tecnico o materiale per tali attacchi o che siano altrimenti coinvolti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5