Digital Single Market, la Camera: "Banda ultralarga, favorire la competizione" - CorCom

IL PARERE

Digital Single Market, la Camera: “Banda ultralarga, favorire la competizione”

La Commissione Trasporti e Tlc approva un parere sul pacchetto Ue. Focus sugli investimenti per le Ngn, per il coding e sul superamento del value gap Ott-fornitori di contenuti tradizionali. Chiesta la possibilità di ereditare i diritti su beni digitali. Bruno Bossio (Pd): “Servono misure concrete per l’attuazione”

23 Mag 2016

Federica Meta

“La Ue favorisca gli investimenti pubblici e privati nelle infrastrutture digitali per sviluppare la banda ultra-larga o ultra-veloce facendo riferimento a un quadro regolamentare che incentivi la competizione tra operatori e destinare tutti i fondi disponibili”. È quanto emerge dalle osservazioni contenute nel parere dato dalla Commissione Trasporti e Tlc della Camera sul Digital Single Market.

“Il Digital Single Market rappresenta – dicono Lorenzo Basso ed Enza Bruno Bossio, relatori del parere – una straordinaria opportunità per cittadini e imprese che potranno superare gli angusti confini nazionali e le posizioni di mercato dominanti rivolgendosi ad un ambiente economico più ampio e più libero.”

Tuttavia servono misure puntuali che ne consentano l’attuazione. “Abbiamo apportato delle integrazioni al testo, in particolare 4 punti – spiegano i deputati Pd – la parificazione tra prodotti digitali e materiali sia a livello normativo – ad esempio la portabilità e la trasmissibilità agli eredi della titolarità di un eBook o un film in MP4 – sia fiscale (es. allineamento Iva); il superamento del value gap tra fornitori di servizi (provider, motori di ricerca, social network) e fornitori di contenuti; l’allineamento dei costi a carico dei consumatori nella consegna transfrontaliera dei pacchi; gli investimenti per progetti di ricerca sulla Linguistica computazionale”.

Secondo il parere, votato dalla Commissione, è necessario che la circolazione dei dati avvenga in un ambiente che garantisca la massima sicurezza, con particolare attenzione ai big data, e che siano adeguatamente tutelate sia le informazioni e i soggetti che, con maggiore o minore consapevolezza, le forniscono.

Per sbloccare il potenziale del mercato unico europeo – si legge nel testo – occorre preservare la sicurezza e l’integrità delle reti ed aumentare la fiducia dei cittadini nell’utilizzo dei servizi digitali, facilitando la cooperazione e lo scambio di informazioni e la più ampia collaborazione e condivisione tra gli Stati membri, al fine di garantire livelli elevati ed omogenei di sicurezza su tutto il territorio europeo”.

WEBINAR
360On TV al centro della notizia. Nuovo Governo, la sfida: ricostruire l’economia italiana

Sul fronte e-commerce “appare necessario definire programmi di sostegno per gli investimenti, soprattutto per le Pmi, superando i vincoli nazionali e ottimizzando sia le infrastrutture sia le modalità operative, come le attività di spedizione e consegna; in tale ottica, è fondamentale che venga definito un quadro normativo armonizzato per la costituzione e la registrazione online delle imprese, anche transfrontaliere”.

Focus anche sulle competenze. La Camera chiede di sostenere i programmi europei e nazionali “avvalendosi degli strumenti offerti dalla linguistica computazionale, per rimuovere le barriere linguistiche che rischiano di pregiudicare le potenzialità di crescita del mercato digitale.

Per i prodotti quali, ad esempio, l’e-book – prosegue il parere – è necessaria una parificazione con il regime previsto per i prodotti materiali, per quanto riguarda le condizioni contrattuali relative alla disponibilità dei diritti sui contenuti in capo al titolare e la possibilità di trasmetterli agli eredi legittimi ovvero di poterli prestare, in presenza di servizi disponibili su più piattaforme. Il riferimento è all’armonizzazione del trattamento fiscale che allinei le aliquote Iva dei prodotti digitali a quelle dei loro corrispettivi materiali.

In tema di diritto d’autore, per un’efficace tutela dello stesso nel mondo digitale occorre bilanciare per gli autori e gli altri titolari di diritti sulle opere dell’ingegno di ottenere tutela giuridica e un’adeguata remunerazione.

“L’armonizzazione delle disposizioni sul diritto d’autore dovrebbe realizzarsi anche valutando il ricorso a soluzioni contrattuali – spiega la Commissione – promuovendo l’innovazione tecnologica anche in questo ambito, analogamente a quanto già previsto con le licenze multiterritoriali nel settore musicale. È auspicabile, pertanto, che al più presto la Commissione europea provveda a presentare le preannunciate proposte legislative volte a rivedere la normativa vigente in materia.
Infine, ma non certo meno importante, il rapporto tra operatori tradizionali e Ott: “occorre adottare tutte le iniziative necessarie per superare il considerevole value gap tra le remunerazioni dei fornitori di servizi (provider, motori di ricerca, aggregatori, social network) e i fornitori di contenuti, con l’obiettivo di assicurare una adeguata remunerazione a tutti gli operatori dell’industria della cultura”.