Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

MONETE DIGITALI

Bitcoin collassa a 3.400 dollari, minimi da settembre 2017

Giù anche Ethereum (-15%) e Ripple (-10%). A pesare sulla quotazione la decisione della Sec di posticipare al 27 febbraio 2019, la decisione sull’approvazione di un Etf legato alla valuta digitale proposto da SolidX Partners e Van Eck Associates

07 Dic 2018

F. Me

Criptovalute in caduta verticale. Su CoinDesk il Bitcoin è arrivata a perdere il 6,4% appena sotto i 3.400 dollari, un livello che non si vedeva dal settembre 2017. Il resto del comparto ha seguito l’andamento del prezzo del Bitcoin e ha registrato perdite a doppia cifra percentuale. Tra le monete digitali più colpite dal nuovo crollo sicuramente Ethereum (-15%) e Ripple (-10%).

A pesare sulle quotazioni la decisione della Securities and Exchange Commission di posticipare dal mese in corso al 27 febbraio prossimo la decisione sull’approvazione (o sulla bocciatura) di un Etf legato alla valuta digitale proposto dalla società di tecnologia applicata alla finanza SolidX Partners e dal gestore Van Eck Associates. L’ultima volta in cui la Sec ha deciso di postdatare questo verdetto il valore del Bitcoin è sceso di circa 9 miliardi di dollari.

L’ultima parte dell’anno è stata drammatica per lee criptovalute. Dopo il primo maxi crollo di febbraio il mercato ha faticato a recuperare i massimi di fine 2017  ha continuato a scambiare su livelli decisamente più bassi.

In autunni la “caduta” successiva:il prezzo del Bitcoin, che per mesi aveva scambiato intorno ai 6.000 dollari, è arrivato sotto i 4.000. A dicembre la moneta ha perso oltre il 20% del valore.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Bitcoin

Articolo 1 di 5