Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LE LINEE GUIDA

Bitcoin, ecco le regole della Sec per valutare le Ico

L’ente di vigilanza Usa ha pubblicato un documento che definisce i parametri per identificare le caratteristiche necessarie a qualificare criptovalute e asset digitali in qualità di valori mobiliari

04 Apr 2019

Se la voglia di criptovaluta forse non è più forte come una volta, di sicuro adesso sta diventando più chiara e regolata. L’ultima a scendere in campo è la SEC, la Securities and Exchange Commission, l’ente di vigilanza dei mercati americano. Che ha pubblicato una serie di linee guida per valutare se una criptovaluta o un altro asset digitale ha gli elementi necessari per essere qualificato come un valore mobiliare o no e deve quindi essere registrato o no.
In questa fase di mercato la SEC sta incrementando le azioni di indirizzo relative alle risorse digitali e alle offerte iniziali di monete (Ico), che funzionano in modo molto simile alle offerte pubbliche iniziali dei titoli azionari (Ipo) per le aziende, ma invece di vendere azioni, raccolgono capitali vendendo “coins” digitali o criptovalute.

Le leggi federali sui titoli azionari richiedono che tutte le offerte e le vendite di titoli siano in linea con le regole di offerta convenzionali, come la registrazione che viene fatta per le Ipo, o la qualificazione per l’esenzione dalla registrazione ai sensi del private placement o delle regole di crowdfunding.

Per aiutare a decidere se una risorsa digitale è un valore mobiliare, la SEC ha spiegato che sia lei stessa che i tribunali federali hanno cercato di vedere se l’attività ha qualche caratteristica riferibile a quella di un “contratto di investimento”.
Un contratto di investimento “esiste quando c’è un investimento di denaro in un’impresa comune con una ragionevole aspettativa di profitti derivante dagli sforzi di altri soggetti”, scrive la SEC in un documento quadro di 13 pagine che espone alcuni dei fattori che i partecipanti al mercato dovrebbero prendere in considerazione prima di partecipare a una Ico.
Se la risorsa digitale è un contratto di investimento al momento della sua offerta o della vendita dipende da fatti e circostanze specifici, argomenta la SEC.

Gli Ico sono diventati un fenomeno molto popolare nel 2017, raccogliendo più di 6 miliardi di dollari (5,3 miliardi di euro), ma da allora i prezzi della maggior parte delle criptovalute sono crollati e molte delle aziende e molti dei progetti associati all’idea di una Ico sono stati abbandonati, senza contare anche un aumento costante dei controlli regolamentari.
Gli Ico – ha spiegato a Reuters durante un incontro di settore dello scorso 26 marzo Brett Redfearn, capo del settore commercio e mercati della SEC – hanno anche attratto i truffatori che cercano di trarre profitto dalla popolarità delle offerte. Per questo motivo la SEC ha cominciato a rafforzare la sua supervisione di questo ambito..

«Quando – ha detto Redfearn – si dispone di uno spazio non regolamentato, gli attori con cattive intenzioni tendono ad affollarsi là. E quindi, se si guarda l’ammontare dei casi che sono arrivati e la quantità di manipolazione e frodi e tutte le altre analoghe – come le cattive pratiche di vendita e simili – che sono accadute in quello spazio, il totale è semplicemente astronomico».

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Bitcoin
C
criptomoneta
S
sec

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link

Articolo 1 di 3