IL PROVVEDIMENTO

Chat non autorizzate: sanzioni per 1,8 miliardi ai big di Wall Street

11 fra banche e broker, fra cui Goldman Sachs, Morgan Stanley e Barclays, finiti nel mirino della Sec per non aver condiviso su piattaforme compliant i messaggi relativi alle operazioni dei clienti

28 Set 2022

Domenico Aliperto

wall-street-170509131347

Undici tra banche e broker di Wall Street, tra cui Goldman Sachs, Morgan Stanley e Barclays, dovranno pagare nel complesso più di 1,8 miliardi di dollari di multe per violazioni “diffuse” e “di lunga data” nelle loro pratiche di tenuta dei registri. Lo riporta il Finacial Times citando le autorità di regolamentazione statunitensi. Gli istituti finanziari hanno ammesso di non aver rispettato i requisiti federali di conservazione dei registri, usando canali standard per scambiarsi messaggi sulle operazioni relative ai propri clienti, ha affermato la Securities and Exchange Commission dopo che un’indagine ha scoperto una serie di “comunicazioni fuori canale pervasive”.

L’evoluzione del caso

Le autorità di regolamentazione parlano di dirigenti che discutevano di affari tramite Sms e chat non protette sui propri dispositivi personali, quando invece le loro conversazioni avrebbero dovuto essere registrate e rese disponibili alle autorità governative. Le violazioni si sono verificate da gennaio 2018 a settembre 2021 e hanno coinvolto personale con diversi livelli di anzianità, ha affermato la Sec. L’indagine è diventata pubblica l’anno scorso e ha scosso Wall Street, costando il lavoro ad alcuni banchieri e spingendo gli istituti di credito a reprimere l’uso non autorizzato di servizi di messaggistica crittografati come WhatsApp e Signal.

WHITEPAPER
Banking, come creare valore con l’AI conversazionale
CIO
Finanza/Assicurazioni

Secondo la Sec, i dipendenti, compresi i banchieri di investimento senior, hanno scambiato decine di migliaia di messaggi tramite canali non ufficiali con colleghi e parti esterne. L’agenzia ha affermato che la mancata memorizzazione dei dati probabilmente le ha impedito di rivedere le comunicazioni nell’ambito di diverse indagini. “Le azioni di oggi, sia in termini di aziende coinvolte che di entità delle sanzioni comminate, sottolineano l’importanza dei requisiti di conservazione dei registri: sono sacrosanti”, ha affermato Gurbir Grewal, direttore delle forze dell’ordine della Sec. Il commissario della Commodity Futures Trading Commission (Cftc, il principale regolatore di derivati degli Stati Uniti), Christy Goldsmith Romero ha affermato che le violazioni erano “ben note” all’interno delle banche, “ma nessuno le ha fermate”.

Le reazioni delle banche

A dicembre JpMorgan Chase aveva già concordato una multa di 200 milioni per i messaggi del personale sui dispositivi personali, con 125 milioni andati alla Sec e 75 milioni per la Cftc,. La stessa cifra è stata poi richiesta a Goldman, Morgan Stanley e Citigroup. Bank of America (BofA) è quella che ha pagato di più: si parla di 225 milioni complessivi. Secondo la Cftc, un ex capo del trading desk di BofA ha ordinato ad alcuni dei suoi ragazzi di eliminare i messaggi dai loro dispositivi personali, di chattare tramite Signal “quando sono fuori ufficio” e di eliminare automaticamente gli scambi. Dei gruppi citati negli ordini normativi, BofA, Barclays, Credit Suisse, Goldman, Jefferies e Nomura hanno rifiutato di commentare gli accordi, mentre Morgan Stanley, Citigroup e Ubs si sono detti “contenti” di aver risolto la questione. Deutsche Bank ha affermato di aver collaborato pienamente con le autorità di regolamentazione e di aver “distribuito in modo proattivo piattaforme di testo e chat pienamente conformi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4