Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PAGAMENTI DIGITALI

Arrighetti lascia Sia: deleghe al vice Nicola Cordone

Dopo otto anni di mandato il manager rassegna le dimissioni per motivi personali. Passaggio di consegne il 15 giugno. Ad Arrighetti il merito di aver condotto Sia a diventare un importante player europeo nelle infrastrutture e nei servizi innovativi di pagamento

11 Mag 2018

A. S.

Massimo Arrighetti abbandona l’incarico di amministratore delegato di Sia, società specializzata nella realizzazione e gestione di infrastrutture e servizi tecnologici nelle aree dei pagamenti, della monetica, dei servizi di rete e dei mercati di capitali.

A prendere atto “con rammarico” delle dimissioni presentate da Arrighetti, che rimarrà in carica fino al 15 giugno, è stato il Cda della società, che – presieduto da Giuliano Asperti, ha deciso per l’attribuzione delle deleghe al deputy Ceo, Nicola Cordone, che entrerà in carica contestualmente all’uscita di Arrighetti.

“Il Presidente e i consiglieri – si legge in una nota di Sia –  hanno accolto con rammarico la decisione assunta da Arrighetti, esprimendogli i più profondi ringraziamenti per il lavoro svolto durante gli otto anni del suo mandato, periodo nel quale Sia è progressivamente cresciuta in termini dimensionali diventando un importante player europeo nelle infrastrutture e nei servizi innovativi di pagamento”.

Il Gruppo Sia eroga servizi in 48 paesi e opera anche attraverso controllate in Austria, Germania, Romania, Ungheria e Sudafrica, con filiali in Belgio e Olanda e uffici di rappresentanza in Inghilterra e Polonia. Nel 2017 la società ha gestito il clearing di 13,1 miliardi di transazioni, 6,1 miliardi di operazioni con carte, 3,3 miliardi di pagamenti, 56,2 miliardi di transazioni finanziarie e trasportato in rete 784 terabyte di dati.

Del gruppo, che annovera circa 2mila dipendenti, fanno parte otto società: la capogruppo SIA, le italiane Emmecom (applicazioni innovative di rete), P4cards (processing monetica), SIApay (servizi di incasso e pagamento evoluti) e Ubiq (soluzioni tecnologiche innovative per il marketing), Perago in Sudafrica, PforCards in Austria e SIA Central Europe in Ungheria.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
massimo arrighetti
P
pagamenti digitali
S
sia

Articolo 1 di 5