Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ACCORDO

Asse Alipay-Tinaba: in Italia debutta l’e-payment per i turisti cinesi

Al via la partnership tra la piattaforma di pagamento di Alibaba e la fintech supportata da Banca Profilo. Il servizio permetterà ai visitatori del Far East di usare il proprio smartphone per pagare nei negozi aderenti al circuito

30 Nov 2018

Continua a rafforzarsi l’ecosistema dei pagamenti digitali in Italia. Stavolta si tratta di una partnership a favore dei turisti cinesi che, secondo Bankitalia, nel 2017 hanno speso circa tre miliardi di euro, con tre milioni di presenze. Alipay, la piattaforma di pagamento mobile gestita da Ant Financial Services Group (parte di Alibaba Group) si è infatti alleata con Tinaba, l’ecosistema digitale per la gestione del denaro, supportata dai servizi bancari e finanziari di Banca Profilo, per consentire ai sempre più numerosi visitatori provenienti dal Far East di pagare con la propria mobile app Alipay presso gli esercenti convenzionati Tinaba. L’accordo permetterà sin da subito di portare i pagamenti e i servizi di marketing per i turisti cinesi sulla rete di accettazione di Tinaba che include il settore taxi, le stazioni di servizio, la ristorazione, le edicole, i negozi e l’ecommerce.

Alipay, con oltre 700 milioni di utenti attivi, è la mobile application di pagamento più diffusa in Cina, che ha rivoluzionato il modo di fare shopping e di accedere ai servizi attraverso l’uso di QR Code esposti dall’esercente. Tinaba, in Italia ha già sviluppato un modello di pagamento con caratteristiche equivalenti a quelle di Alipay, disponibile su mobile application a clienti e a merchant italiani dotati di dispositivi connessi senza costi di commissione. Ad oggi Tinaba vanta oltre 600 mila download e un parco utenti che cresce a doppia cifra, circa il 10%, mese su mese.

La partnership tra Tinaba, Banca Profilo e Alipay si fonda su una visione comune sull’evoluzione del mondo retail, che intravede nel mobile payment la chiave per modernizzare il modello di vendita dei piccoli esercenti e per conoscere, anticipare e servire al meglio le esigenze dei clienti attuali e potenziali.

“Le sinergie tecnologiche con Tinaba permetteranno di sviluppare insieme in Italia soluzioni ‘new retail’ che guardano alla Cina come esempio di successo nella cashless economy, dove il cliente attraverso il suo telefonino può interagire con l’esercente prima, durante e dopo la sua visita nel negozio, pagare in modo sicuro e semplice”, commenta Piero Candela, responsabile dello sviluppo di Alipay in Italia. “Collaboreremo per portare, anche nel mondo delle piccole e medie imprese del commercio, le tecnologie digitali necessarie per competere e crescere nella distribuzione moderna”.

L’iniziativa rappresenta per Tinaba, prima fintech italiana a integrarsi sul più grande circuito di mobile payment a livello internazionale, un importante passo in avanti verso un’offerta globale e l’occasione per rafforzare il proprio posizionamento e a offrire con Banca Profilo in un’unica super-app i servizi di pagamento in negozi convenzionati e non, money sharing e peer-to-peer transfer, funzioni di risparmio, robo-advisor e investimenti, charity, crowdfunding, ricariche telefoniche, ecommerce.

“L’accordo tra Tinaba e Alipay nasce dalla condivisione di una comune visione circa il futuro del fintech e del retail”, conferma Matteo Arpe, fondatore e Amministratore Delegato di Tinaba. “La partnership siglata, che rappresenta l’inizio di una ampia collaborazione che verrà implementata nei prossimi mesi, è un importante riconoscimento che la tecnologia proprietaria che abbiamo sviluppato è un unicum nel panorama internazionale ed è apprezzata dal più diffuso sistema di pagamento mobile al mondo”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5