Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL CASO

Debutta Bitcoin Cash, la valuta virtuale “ribelle”

Frutto del lavoro dei “miner scissionisti” la nuova criptomoneta nasce una variante del codice open-source del Bitcoin considerato obsoleto. Oggi le prime transazioni

01 Ago 2017

F.Me.

Una sorta di “guerra civile” – così la chiama il Wall Street Journal – sta per travolgere il bitcoin. Un gruppo di sviluppatori della valuta digitale lancia una versione “ribelle” della criptovaluta con una configurazione diversa. Si chiama Bitcoin Cash e punta ad accaparrarsi il favore di investitori e aziende che gestiscono le transazioni.

Una vera e propria secessione, dunque, che ha portato alla creazione di una valuta virtuale completamente decentralizzata, che non risponde a una banca centrale e non ha bisogno di terze parti di fiducia per operare. Altra caratteristica che contraddistingue il Bitcoin Cash, frutto del superamento di un codice considerato dai creatori obsoleto, è la sicurezza: il nuovo ”cash” arriva a 8MB contro 1MB del rivale.

”Chi è in possesso di Bitcoin avrà automaticamente Bitcoin Cash”, avvisano sul sito. Fino al momento della ”scissione”, la storia della transazioni dell’una sarà uguale a quella della criptomoneta nuova, già supportata da vari exchange.

Ma il Bitcoin Cash sta già creando confusione sui mercati e le sue prospettive sono incerte. Il suo futuro dipenderà dal supporto che riesce a conquistare da parte degli sviluppatori. Ma Calin Culianu, sviluppatore dietro Bitcoin Cash, è ottimista: “Il blocco da 8MB ha molto più spazio ed è allettante”, ha dichiarato.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Bitcoin

Articolo 1 di 5