Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PAGAMENTI DIGITALI

Fintech, l’Italia adegua le norme alla direttiva Psd2

Pubblicate in Gazzetta ufficiale le disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica, che mettono l’Italia in regola con i requisiti fissati dall’Unione europea in vigore dal 14 settembre

21 Ago 2019

A. S.

Arrivano in gazzetta ufficiale le “Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica” messe a punto dalla Banca d’Italia, che di fatto adeguano il sistema italiano alle norme del Psd2, la cui entrata in vigore è prevista per il 14 settembre. L’obiettivo del nuovo quadro normativo introdotto dalla Psd2, che verrà applicato in tutta l’area economica europea, è quello di rafforzare la sicurezza dei pagamenti nell’e-commerce, senza ostacolare la fluidità dei percorsi di acquisto, che devono restare senza ostacoli per i clienti finali, aprendo la strada nel contempo all’ingresso sul mercato di nuovi player.

In realtà molti dei soggetti interessati, che si tratti di banche o di fintech, sono già in regola con le nuove norme, dal momento che hanno iniziato a organizzarsi per tempo all’appuntamento con il regolamento europeo che spiana la strada alla logica dell’open banking nel vecchio continente.

Tra le disposizioni messe a punto dalla Banca d’Italia c’è l’obbligo per le banche di aprire i conti correnti per conto dei player che non hanno la licenza per la raccolta: una pratica che già avviene oggi attraverso partnership tra le fintech e gli istituti di credito, ma che ora diventerà un vero e proprio obbligo per tutte le banche.

Ma al di là di questi aspetti, le nuove norme di fatto parificano il trattamento riservato agli istituti di pagamento e agli istituti di moneta elettronica a quello in vigore per le banche, a partire dal capitale di garanzia, che anche per le fintech dovrà adeguarsi alle regole del Capital Requirements regulation.

Una parte delle norme è dedicata inoltre alla cybersecurity: gli istituti di pagamento egli istituti di moneta elettronica sono infatti chiamati a mettere a punto policy – da aggiornare ogni anno – per la sicurezza informatica e la prevenzione del rischio di frodi, chiarendo nel dettaglio come gestiranno gli archivi e i dati dei propri utenti. Alle fintech è inoltre richiesto, in liea con le più moderne regole sulla cybersecurity, di segnalare in tempo reale alle autorità eventuali attacchi o incidenti informatici, consentendo così di evitare eventuali “contagi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5