CASHLESS

Il lockdown mette il turbo all’e-payment: in pole le “botteghe”

Report SumUp: in crecita del 250% il numero di negozi del Food & Grocery che si sono dotati di lettori per le carte di pagamento

30 Apr 2020

F. Me

La necessità di garantire la distanza interpersonale, sia per i punti vendita di beni di prima necessità rimasti aperti, che per le consegne a domicilio, ha stimolato i piccoli commercianti a cercare soluzioni concrete per non smettere di lavorare e continuare ad offrire i servizi alla collettività, senza, però, rischiare di diventare veicoli di contagio.

Il comparto più attivo – anche perché servizio essenziale che ha operato anche in lockdown – che ha modificato fin da subito e in maniera più incisiva le modalità di pagamento è quello del Food & Grocery: commercianti di quartiere e negozi di prossimità (alimentari, panetterie, macellerie) non soltanto hanno reinventato i propri servizi promuovendo il delivery e forme di e-commerce, ma hanno colto nel momento del bisogno i vantaggi sanitari e di comodità offerti dal cashless.
Lo dimostrano i dati di SumUp, specializzata proprio in lettori di carte portatili e soluzioni di pagamento per commercianti, artigiani, pmi: non solo nell’ultimo anno si è registrato un +250% di commercianti italiani attivi nel settore Food & Grocery che si sono dotati di lettori di carte SumUp, ma questa tendenza è impennata durante la crisi Covid e ha portato a un ulteriore consolidamento del trend: nelle ultime settimane, infatti, in Italia un terzo delle richieste di lettori di carte SumUp proviene proprio dal settore Food & Grocery.

Emerge un incremento record dei pagamenti cashless (chip, contactless e via dispositivo mobile): tra periodo pre e post Covid-19 le transazioni cashless sono più che triplicate toccando incrementi del + 350%. La spinta maggiore è data dalle transazioni NFC (senza contatto fisico), che risultano utili sia nei

pagamenti in negozio, che durante le consegne a domicilio o bordo strada

FORUM PA 6- 11 luglio
Innovazione e trasformazione digitale per la resilienza. Scopri il nuovo FORUM PA digitale
CIO
Dematerializzazione

In vista delle prossime riaperture della “fase 2”, forti segnali di digitalizzazione provengono da molteplici settori dell’economia nazionale: in crescita l’utilizzo e gli ordini di lettori portatili da parte di medici e negozi non alimentari che crescono stabilmente a doppia cifra.

“I dati confermano il ruolo positivo e i benefici collaterali dei pagamenti cashless che hanno consentito e agevoleranno molti esercenti nel mantenere attivo il proprio business garantendo la  tutela della salute di tutti, accettando pagamenti digitali, anche da remoto, assicurando la distanza interpersonale con i clienti ed evitando contatti ravvicinati nonché lo scambio di denaro contante”, afferma Marc-Alexander Christ, co-founder e CFO di SumUp. “In tal modo, si osservano anche le misure di sicurezza per la protezione dei consumatori condivise dall’Eba (European Banking Authority), che raccomanda l’adozione di pagamenti da remoto”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

S
SumUp

Approfondimenti

C
cashless
P
pagamenti digitali

Articolo 1 di 5