Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

OPEN INNOVATION

A Milano il nuovo hub del fintech firmato Plug&Play

Nato in collaborazione con Nexi e Unicredit, il polo ha l’obiettivo di attrarre nuovi talenti e offrire alle eccellenze del made in Italy l’opportunità di trovare nuovi partner all’estero

13 Feb 2020

A. S.

Attirare in Italia fintech e talenti con cui collaborare per generare business e fare innovazione. E allo stesso tempo esportare le eccellenze del Made in Italy e dare loro visibilità affinché possano trovare nuovi partner, individuare nuovi finanziamenti ed estendersi all’estero, grazie alla creazione di un vero e proprio collegamento stabile tra il nostro Paese e la Silicon Valley. Sono i due obiettivi principali che hanno portato alla nascita del nuovo polo del fintech italiano, fondato a Milano dalla startup californiana Plug and Play in collaborazione con Nexi e Unicredit.

Nata seguendo la stella polare dell’open banking, Plug and Play è in Italia da aprile 2019 e ha nella sua storia la creazione di una delle più grandi piattaforme di open innovation su scala globale, che ha accelerato 1.400 startup e 350 aziende partner nel solo 2019.

“Siamo partiti in Italia ad aprile 2019, e meno di un anno dopo stiamo già lanciando un nuovo programma in un settore strategico in collaborazione con aziende leaders nel mondo finanziario. È la dimostrazione del valore aggiunto che porta Plug and Play all’ecosistema italiano, in questo caso connettendolo non solo alla Silicon Valley, ma anche al nostro programma fintech pan-Europeo di Francoforte – spiega Andrea Zorzetto, managing partner di Plug and Play Italy – L’hub, aperto a tutto il mondo della finanza e dell’innovazione, sarà un vero e proprio ecosistema che darà vita a soluzioni tecnologiche all’avanguardia in ambito fintech: pagamenti digitali, open finance, blockchain e big data sono solo alcuni dei settori di ricerca e sviluppo del nuovo polo milanese”.

Digital360 awards
Presenta il tuo progetto digitale ad una platea di CIO delle più importanti aziende
Digital Transformation
Open Innovation

“I financial services stanno attraversando una profonda rivoluzione sia nei modelli di business, sia nelle tecnologie abilitanti e l’open banking cambierà il modo di fare banca, portando nuove sfide ma anche grandi opportunità – aggiunge Roberto Catanzaro (nella foto), business development director di Nexi – la nostra mission è supportare le banche nel coglierle e nel trasformarle in ricavi e in nuovi servizi per i propri clienti. Lo facciamo già nei pagamenti digitali e nell’open banking, gestendo il gateway Cbi, intendiamo farlo anche creando ecosistemi capaci di portare nel nostro Paese il meglio dell’innovazione internazionale, a vantaggio delle nostre banche partner. L’accordo con Plug and Play, realtà unica e con un punto di vista privilegiato sul panorama del fintech mondiale, va in questa direzione e sarà fondamentale per rendere concreto l’open finance in Italia”.

Unicredit è founding partner di Plug and Play Italy fin dal suo lancio lo scorso aprile, ed è suo partner strategico nell’hub europeo fintech di Francoforte – conclude Marco Pusterla, head of Innovation orchestration & fintech Strategy di UniCredit – In UniCredit l’ingaggio con il mondo Fintech è volto a massimizzare collaborazioni con innovatori esterni per sviluppare prodotti e servizi che soddisfino i bisogni dei nostri clienti. Da subito abbiamo coinvolto nelle attività svolte con Plug and Play anche i nostri clienti, invitandoli a sessioni di approfondimento in cui identificare Fintech con cui collaborare. Abbiamo trattato tematiche di business chiave quali Kyc (know your customer), prestiti e open banking. Siamo entusiasti del lancio di un nuovo polo di innovazione dedicato al Fintech a Milano, che ci darà accesso diretto al crescente ecosistema che si sta sviluppando in città e al network di talenti imprenditoriali ad esso collegato”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5