Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

PAGAMENTI DIGITALI

Via al Bancomat Pay “mobile”, il numero di cellulare diventa il nuovo pin

Nato dall’intesa tra Bancomat e Sia, il servizio consentirà ai titolari di carte PagoBancomat di pagare, negli store e online e inviare e ricevere denaro in tempo reale. Basta scaricare l’app Jiffy sullo smartphone

31 Lug 2018

Giorgia Pacino

Un nuovo servizio di pagamento digitale per 37 milioni di italiani. Grazie a un’intesa con Sia, Bancomat Pay integrerà il servizio Jiffy consentendo ai titolari di carte PagoBancomat di pagare, negli store e su e-commerce, inviare e ricevere denaro in tempo reale dallo smartphone in totale sicurezza. Basterà utilizzare il proprio numero di cellulare.

La partnership renderà disponibili nuovi servizi di pagamento per trasferire somme di denaro tra privati (P2P), acquistare beni e servizi sia online sia presso i punti vendita degli esercenti convenzionati (P2B) ed effettuare pagamenti a favore della pubblica amministrazione centrale e locale (P2G) attraverso la piattaforma PagoPA.

Il lancio di Bancomat Pay è previsto per il prossimo autunno. Da subito potrà essere utilizzato da circa 5 milioni di utenti registrati a Jiffy, presso più di 2 mila esercizi commerciali, principalmente della Gdo, e su PagoPA per i pagamenti verso la pubblica amministrazione. Con circa 37 milioni di titolari di carte PagoBancomat e oltre 440 banche che utilizzano i suoi servizi, Bancomat intende sviluppare le potenzialità del nuovo servizio di pagamento digitale ben oltre l’attuale penetrazione di mercato.

Bancomat Pay potrà essere utilizzato attraverso la app della propria banca oppure con l’app Bancomat Pay. In pochi secondi e con il proprio smartphone, sarà possibile effettuare trasferimenti di denaro e pagamenti senza necessità di avere con sé la carta fisica né di digitare il Pin.

“In trent’anni di attività abbiamo consolidato il bene più prezioso, la fiducia del mercato e delle persone. Da oggi vogliamo unire a questo patrimonio tutto il potenziale dell’innovazione tecnologica, rendendo le transazioni di denaro sempre più semplici e immediate”, spiega Alessandro Zollo, amministratore delegato di Bancomat. “Con Bancomat Pay intendiamo fare il primo passo per entrare nel mondo dei servizi di pagamento del futuro, dove a essere smaterializzato non sarà solo il contante ma anche la carta stessa. Insieme alle banche vogliamo essere facilitatori e fautori del cambiamento e dell’innovazione per il Paese”.

“L’accordo strategico con Bancomat e l’importante trasformazione digitale dello strumento di pagamento più utilizzato dagli italiani rappresenta il compimento di un percorso avviato da Sia da molti anni al fianco del sistema bancario italiano nell’ideazione e realizzazione di servizi innovativi”, ricorda Nicola Cordone, deputy ceo di Sia. “Abbiamo investito molto su Jiffy, insieme a oltre 130 banche che già lo utilizzano, e da oggi rendiamo disponibili le sue funzionalità innovative al Bancomat per favorire la digitalizzazione e rendere più efficiente il sistema Paese”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
Bancomat
B
Bancomat Pay
P
Pagobancomat
S
sia

Articolo 1 di 5