L'INIZIATIVA

Educazione finanziaria, via alla didattica online di Poste Italiane

La società aderisce al “Mese dell’Educazione Finanziaria” del Mef: lezioni sul web e pillole video per aumentare competenza e consapevolezza nelle scelte di investimento e risparmio

15 Ott 2020

Poste Italiane partecipa con un programma di didattica digitale al “Mese dell’Educazione Finanziaria”. L’iniziativa promossa dal Ministero dell’Economia e delle Finanze punta a migliorare le competenze dei cittadini in materia economico-finanziaria e ad aumentarne la consapevolezza nelle scelte di risparmio, investimento e conoscenza dei nuovi strumenti finanziari nell’era digitale.

Per l’edizione 2020, che si svolgerà lungo tutto il mese di ottobre, Poste Italiane ha in calendario sei “webinar” ad accesso gratuito. Nel corso delle lezioni online esperti di materie economiche parleranno di pianificazione finanziaria, previdenza complementare, protezione, risparmio e investimenti e del ruolo del consulente, con l’obiettivo di aiutare i partecipanti a fare scelte di investimento in campo finanziario, assicurativo e previdenziale sulla base di maggiore consapevolezza e conoscenza.

Per seguire i webinar basterà utilizzare i link disponibili sul sito di Poste Italiane e nella sezione calendario-eventi del portale del “Comitato Edufin”.

Poste Italiane ha inoltre preparato una nuova collana didattica costituita da dieci “video pillole” alle quali si potrà accedere in qualsiasi momento dalla pagina web Edufin sul sito dell’azienda.

“Alla luce dell’emergenza sanitaria e della esigenza di garantire ai cittadini il più ampio accesso al programma didattico – spiega una nota – Poste Italiane ha scelto di utilizzare i canali digitali per offrire ancora una volta il proprio contributo divulgativo e informativo in materia economico-finanziaria e ribadire il proprio ruolo di impulso al processo di digitalizzazione del Paese”.

La partecipazione di Poste Italiane al Mese dell’Educazione Finanziaria si muove nel segno della tradizionale attenzione alle esigenze dei cittadini e in coerenza con la sua storica vocazione di azienda socialmente responsabile che aderisce ai principi internazionali ESG, promossi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5