Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'ANALISI

Fisco più leggero per le big del web, in 10 anni tasse diminuite del 13%

Il Financial Times punta il dito contro le multinazionali Usa attive in Uk. Il “differimento da tassazione immediata” e il trasferimento degli utili offshore ha consentito una diminuzione delle imposte. Particolarmente avvantaggiati Apple & Co.

12 Mar 2018

Patrizia Licata

giornalista

Negli ultimi dieci anni le multinazionali attive in Gran Bretagna hanno beneficiato di una netta riduzione del prelievo fiscale sulla loro attività: il peso della corporate tax è diminuito in media del 9%. Particolarmente “fortunati” i colossi dell’hi-tech che hanno visto scendere la tassa sui profitti aziendali di circa il 13%, mentre altri settori – come la sanità – non hanno ricevuto sconti.

A dirlo è un’analisi del Financial Times condotta sulle 10 aziende maggiori per capitalizzazione di mercato (secondo la lista S&P Capital IQ) in 9 settori industriali, tra cui finanza, energia, sanità, telecomunicazioni e IT. Il quotidiano economico ha studiato i report finanziari degli ultimi 25 anni delle multinazionali in questione e osservato che dal 2008 il calo medio della corporate tax è dal 26% al 24%, ovvero due punti percentuali, ma con una riduzione del prelievo effettivo, scrive il FT, di 9 punti. Il trend di lungo periodo è ancora più marcato, con una riduzione della corporate tax per i colossi esaminati di quasi un terzo dal 2000, ovvero dal 34 al 24%.

Il FT ha anche effettuato un calcolo sule tasse effettivamente pagate indipendentemente dal livello della corporate tax; infatti, le aziende possono ricorrere al meccanismo cosiddetto del tax deferral che permette di sospendere il pagamento delle tasse sugli utili e portarlo ad anni successivi. Lo studio mette in evidenza che le multinazionali sono efficamente riuscite a pagare meno tasse grazie al “differimento da tassazione immediata”, che spesso si fonda sul “parcheggio” degli utili in sedi offshore; in particolare le aziende Usa avevano quasi 2.600 miliardi di dollari nel 2016 dirottati in paesi diversi da quelli in cui l’utile è generato.

Un modo nemmeno troppo velato con cui il quotidiano finanziario di Londra sottolinea che, mentre i consumatori sono colpiti dall’austerity (le tasse personali sono salite negli scorsi dieci anni), le multinazionali sembrano essere state esentate da tanto rigore. Nello scenario post-Brexit, tuttavia, il primo ministro Theresa May sembra intenzionata a continuare a dare qualche privilegio alle multinazionali in Uk con un regime fiscale amico, per continuare a garantire attrattività al paese al di fuori dell’Ue. E proprio mentre Bruxelles prepara la web tax: la proposta ufficiale sarà presentata il 21 marzo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5