La app per il money-transfer Currencycloud "incassa" 80 milioni di $ - CorCom

FINTECH

La app per il money-transfer Currencycloud “incassa” 80 milioni di $

Il nuovo round porta i finanziamenti a 140 milioni. Fra i principali investitori Visa, Bnp Paribas e Google Ventures. Attiva in Europa e Nord America si prepara per lo sbarco in Asia

27 Gen 2020

L. O.

Raggiunge quota 80 milioni di dollari il finanziamento incassato dalla startup britannica Currencycloud da Visa, Bnp Paribas e Google Ventures, fra gli altri. Un’operazione che mette al centro della scena le app per il money transfer cross-border, business che già oggi vale 700 milioni di dollari l’anno.

Sede nel Regno Unito, la società di tecno-finanza fornisce a banche e società del fintech software per l’elaborazione di transazioni internazionali. Currencycloud è attiva in Europa e Nord America, ma è pronta all’espansione in Asia.

“Operiamo in un segmento che potremmo chiamare della finanza embedded” dice Mike Laven Ceo di Currencycloud in un’intervista a Cnbc, spiegando che i prodotti dell’azienda, non noti al grande pubblico, vengono “incorporati” nelle piattaforme di grandi banche e fintech per il trasferimento di denaro cross-border e costituiscono l’”ossatura” necessaria al funzionamento delle app. “I clienti finali non si accorgeranno mai della nostra presenza – dice Laven -. Siamo un pezzo di finanza integrata nella tecnologia delle app utilizzate. Uno dei nostri prodotti, Spark, consente di raccogliere, archiviare, convertire e pagare in 35 valute”.

L’ultima serie di finanziamenti ottenuti dall’azienda è stata co-guidata dal venture arm Sap Sapphire e Visa, ma ha anche incassato il sostegno di Google, dall’International Finance Corporation, Bnp Paribas e dalla banca giapponese Sbi.

Per Currencycloud, Visa è un investitore strategico. Ma la startup collabora anche con alcune banche innovative del Regno Unito – tra cui Revolut, Monzo e Starling – che hanno raccolto milioni di utenti che effettuano operazioni bancarie utilizzando solo un’app e una carta di debito.

Obiettivo espansione nell’Asia

Il maggiore mercato dell’azienda è attualmente l’Europa, ma ora punta a espandersi in Asia, dove il fintech sta registrando alti tassi di adozione. In Cina i wallet Alipay e WeChat Pay sono ormai comuni.

L’investimento in Currencycloud arriva a ridosso dell’acquisizione da 5,3 mld di dollari da parte di Visa di Plais, società specializzata in software per le app fintech.

Currencycloud ha raccolto oltre 140 milioni di dollari dagli investitori e dichiara di aver processato pagamenti globali per 50 miliardi di dollari da quando è stata fondata nel 2012.

@RIPRODUZIONE RISERVATA