OPEN BANKING

Tink nelle mani di Visa, sul piatto 1,8 miliardi. Per Poste plusvalenza da 53 milioni

La fintech svedese, integrata con più di 3.400 banche e istituzioni finanziarie per 250 milioni di clienti in tutta Europa, manterrà il marchio e il team di gestione. Nell’ambito dell’operazione il gruppo italiano ha ceduto la partecipazione del 4,7%, incassando 3,5 volte l’investimento iniziale

25 Giu 2021
soldi-crisi-decreto-ristoro

Visa spinge sull’open banking. La società ha firmato un accordo per rilevare la fintech svedese Tink per 1,8 miliardi di euro. La piattaforma, integrata con più di 3.400 banche e istituzioni finanziarie per 250 milioni di clienti bancari in tutta Europa, manterrà il marchio e il team di gestione e la sede rimarrà a Stoccolma.

Visa finanzierà l’operazione con la liquidità disponibile e l’acquisizione non avrebbe alcun impatto sul programma di riacquisto di azioni precedentemente annunciato o sulla politica dei dividendi, come si legge in una nota della società.

“Ci impegnamo a fare tutto il possibile per promuovere l’innovazione e responsabilizzare i consumatori a sostegno degli obiettivi dell’open banking in Europa spiega il ceo e presidente di Visa Al Kell – Riunendo la rete di Visa e le capacità di open banking di Tink, forniremo maggiore valore ai consumatori e alle imprese  con strumenti per rendere le loro vite finanziarie più semplici, affidabili e sicure”.

In merito all’acquisizione da parte di Visa, i cofondatori di Tink hanno dichiarato in una nota: “Man mano che abbiamo conosciuto Visa, è diventato chiaro che condividiamo una missione comune: collegare il mondo finanziario e accelerare la crescita e l’adozione di servizi finanziari digitali – evidenzia Daniel Kjellén, ceo e co-founder di Tink – Collaborare con Visa significa che ora saremo in grado di muoverci più velocemente e raggiungere più lontano che mai, e sappiamo che Visa è il partner perfetto per la prossima fase del nostro viaggio. La partnership con Visa ci permetterà di far crescere ulteriormente la nostra organizzazione, i nostri prodotti e servizi, per servire meglio i nostri clienti attuali e futuri, pur continuando ad operare come un marchio indipendente e a costruire sugli incredibili punti di forza di Tink”.

Il coinvolgimento di Poste Italiane

Nell’operazione coinvolta anche Poste Italiane che, attraverso la sua controllata PostePay, ha venduto la partecipazione del 4,7% fully diluted nella fintech svedese al Gruppo Visa.

WHITEPAPER
Ottieni una pianificazione veloce, condivisa e affidabile nel tuo marketing: scopri come!

Poste Italiane ha incassato 3,5 volte il valore dell’investimento iniziale, pari a 22 milioni, nell’arco di 18 mesi.

La plusvalenza al netto delle imposte è pari a circa 53 milioni, che comporta un incremento del patrimonio netto tramite “altri utili e perdite complessivi” senza impatto a conto economico.

La partnership con Tink proseguirà, permettendo a Poste Italiane di beneficiare delle opportunità dell’open banking nell’ambito della normativa Psd2, facendo leva sull’ affidabilità del proprio marchio, e sull’utilizzo di strumenti analitici data-driven.

“Questa operazione conferma la validità dell’approccio differenziato di Poste Italiane verso l’innovazione. Nel caso specifico l’alleanza con operatori di mercato disruptive consente a Poste Italiane di accelerare la propria strategia di innovazione – spiega una nota – L’operazione è soggetta all’autorizzazione da parte delle autorità regolamentari ed altre consuete condizioni di closing”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
poste italiane
T
Tink
V
Visa

Articolo 1 di 2