GREEN ICT

Data center green, Aruba spinge sull’idroelettrico

La società aumenta la propria capacità di produzione di energia da fonti rinnovabili con l’acquisizione di due nuove centrali in provincia di Bergamo dalla potenza complessiva di 2MW. Avanti tutta anche sul fotovoltaico. L’Ad Cecconi: “Il consumo energetico del settore IT continua a crescere a ritmi elevati. Questo primo investimento del 2023, che ne anticipa ulteriori, è in linea con i nostri obiettivi di sostenibilità nel lungo periodo”

Pubblicato il 04 Apr 2023

data-center-servere-120113163702

Più forza alla capacità di produzione di energia da fonti rinnovabili. E’ la strategia di Aruba che acquisisce due nuove centrali idroelettriche in provincia di Bergamo, nei pressi del Global Cloud Data Center di Ponte San Pietro, con una potenza complessiva di 2MW. In questo modo arrivano a 7 gli impianti idroelettrici dell’azienda dislocati nel nord Italia per un totale di 9,2 MW di potenza per la produzione di energia pulita.

“Il consumo energetico del settore IT continua a crescere a ritmi elevati – commenta l’Ad Stefano Cecconi -. Questo primo investimento del 2023, che ne anticipa ulteriori, ci permette di incrementare la capacità di produrre energia pulita e di mantenerci in linea con i nostri obiettivi di sostenibilità nel lungo periodo”.

Centrali idroelettriche, il network di Aruba

Le nuove centrali – “Paladina” e “Ponte Briolo” – condividono la stessa opera di presa dell’acqua sul fiume Brembo e sono unite da un canale privato di adduzione.

Vanno ad aggiungersi a quella già presente all’interno del Global Cloud Data Center di Aruba – anch’essa sul fiume Brembo – e alle ulteriori 4 acquisite dall’azienda nel 2020 a Melegnano (Mi) sul fiume Lambro, a Chiuppano e Calvene (Vi) sull’Astico e a Pontebba (Ud) sul Fella. L’intero network delle centrali idroelettriche di Aruba ha una potenza pari a 9,2 MW  per la produzione di energia pulita e la produzione annuale prevista è di circa 50 GWh.

La strategia dell’azienda

L’acquisizione delle nuove centrali idroelettriche è parte di una più ampia strategia del gruppo Aruba che intende continuare ad investire ed incrementare la propria capacità di produzione di energia da fonti rinnovabili per ridurre il più possibile l’impatto sull’ambiente e rendere sostenibili le attività di tutto il gruppo. Oltre agli investimenti sugli impianti idroelettrici, proseguono anche quelli sugli impianti fotovoltaici.

I due nuovi edifici DC-B e DC-C del campus di Ponte San Pietro, inaugurati a dicembre 2022, sono rivestiti da impianti fotovoltaici di nuova generazione rispettivamente con una potenza pari a 1,2 MW e 1,3 MW che vanno ad aggiungersi a quello da 2,4 MW presente sul DC-A. Anche i data center in costruzione nel nuovo campus di Roma verranno rivestiti da pannelli fotovoltaici su tutte le superfici che hanno sufficiente esposizione al sole.

L’adesione al Climate Neutral Data Center Pact

Alle iniziative proprie, è stato inoltre affiancato un percorso condiviso con altre aziende a livello internazionale: insieme ad altri provider europei, Aruba è parte del Climate Neutral Data Center Pact, un’iniziativa di autoregolamentazione che ha l’obiettivo di rendere i data center in Europa neutri dal punto di vista climatico entro il 2030.

L’azienda è tra i primi operatori di data center ad aver già certificato l’adesione al Patto tramite un audit condotto appositamente per misurarne la conformità agli obiettivi. Un impegno storico da parte dell’industria europea del cloud e dei data center per guidare in modo proattivo la transizione verso la piena sostenibilità energetica.

Un ulteriore impegno assunto riguarda la partecipazione alla European Green Digital Coalition. L’obiettivo è di investire nello sviluppo e nella diffusione di servizi digitali sostenibili ed efficienti, sviluppare strumenti per misurare l’impatto delle tecnologie sull’ambiente e unire così le forze per una trasformazione digitale “green”, a vantaggio dell’ambiente, della comunità e dell’economia.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articoli correlati

Articolo 1 di 5