L'OPERAZIONE

Digital & green, partnership industriale Sesa-Amaeco per spingere il business

Il gruppo guidato da Alessandro Fabbroni ha sottoscritto, attraverso Var Group, un accordo per acquisire la maggioranza della società specializzata nello sviluppo di sistemi di monitoraggio energetico e delle performance di ecosostenibilità

Pubblicato il 10 Gen 2023

Domenico Aliperto

Sesa ha sottoscritto, attraverso la società controllata Var Group, un accordo di partnership industriale per l’acquisizione della maggioranza del capitale di Amaeco. È lo stesso gruppo attivo nel settore dell’innovazione tecnologica e dei servizi informatici e digitali per il segmento business a comunicarlo con una nota. Con il deal, la società guidata da Alessandro Fabbroni consolida “le proprie competenze di digitalizzazione e sostenibilità a supporto delle esigenze di evoluzione digitale del Made in Italy”.

L’apporto di Amaeco nelle strategie Esg di Sesa

Amaeco, con sede a Fiorano Modenese (Mo) e un organico di circa 15 risorse umane, opera nello sviluppo e nella progettazione di sistemi di monitoraggio energetico e delle performance di ecosostenibilità attraverso soluzioni software proprietarie con focus sul mercato enterprise. Per il 2023 i ricavi attesi sono pari a circa 1,5 milioni, con un Ebitda margin di circa il 20% e “importanti prospettive di crescita”, recita sempre il comunicato.

WHITEPAPER
Rischi ESG all'interno della supply chain: approfondisci come mitigarli in modo proattivo
Sviluppo Sostenibile
Risk Management

Ecco perché l’acquisizione rappresenta una mossa strategica per Sesa. “Grazie all’adozione progressiva delle soluzioni tecnologiche sviluppate all’interno del settore Digital Green, il Gruppo Sesa prosegue il proprio percorso di rafforzamento dei programmi Esg e della propria performance di sostenibilità con il continuo miglioramento del proprio impatto ambientale”. Dopo l’upgrade a livello “B” del rating di sostenibilità Cdp, uno dei più restrittivi in ambito internazionale, Sesa consegue infatti l’ulteriore miglioramento, a livello “Gold”, del rating EcoVadis, piattaforma internazionale di riferimento in ambito di rilevazione delle performance di ecosostenibilità.

“L’ingresso di Amaeco nel Gruppo ci arricchisce di competenze in un’area cruciale per l’evoluzione digitale delle imprese come quella delle tecnologie per l’efficientamento energetico, nella convinzione che l’attuale scenario macroeconomico di incertezza possa essere superato grazie a progressivi investimenti digitali, alla luce della forte convergenza di sostenibilità e digitalizzazione”, dichiara Alessandro Fabbroni, Ceo di Sesa. “Il miglioramento dei nostri principali rating di sostenibilità conferma l’avanzamento dei programmi Esg quale elemento rilevante nella nostra strategia di generazione di valore sostenibile per gli stakeholder”.

I vantaggi attesi dall’acquisizione

L’operazione di partnership societaria con Amaeco amplia dunque l’offerta di Sesa sul piano della tecnologia e dei servizi digitali a supporto della sostenibilità ed in ambito Digital Green, business unit che al 30 aprile 2022, ha realizzato un totale di circa 175 milioni di euro di ricavi consolidati, con una ulteriore crescita attesa nel corrente esercizio al 30 aprile 2023, sostenuta dalla progressiva convergenza di digitalizzazione e sostenibilità.

“L’acquisizione del controllo di Amaeco, con cui già avevamo una partnership industriale da circa 12 mesi, ci consente di rafforzare ulteriormente l’offerta di soluzioni applicative e consulenza per il mercato enterprise, supportando la forte e crescente domanda di tecnologie digitali per l’efficientamento energetico e la sostenibilità delle imprese del Made in Italy”, spiegano Francesca Moriani, Ceo di Var Group e Fabio Massimo Marchetti, Managing Partner di Var Industries.

“Siamo lieti di entrare a far parte dell’organizzazione di Var Group e del Gruppo Sesa, al fine di accelerare la crescita di competenze e lo sviluppo di soluzioni digitali a supporto della domanda di tecnologia e consulenza per l’efficientamento energetico e la sostenibilità proveniente dalle imprese del Made in Italy, in particolare ma non solo dai segmenti Manifatturiero e Retail”, chiosa Giorgio Amadessi, Fondatore di Amaeco.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Articolo 1 di 5