Registro elettronico rifiuti, a firma di Assosoftware gli applicativi gestionali interoperabili - CorCom

L'INTESA

Registro elettronico rifiuti, a firma di Assosoftware gli applicativi gestionali interoperabili

Siglato con il Ministero della Transizione ecologica l’accordo che regolamenta la collaborazione tra pubblico e imprese per la fornitura di soluzioni in grado di interfacciarsi con il Ren

07 Mag 2021

Domenico Aliperto

AssoSoftware e il Ministero della Transizione Ecologica hanno siglato un accordo per la predisposizione di applicativi gestionali interoperabili con il Registro Elettronico Nazionale (Ren), la nuova Banca dati di gestione dei rifiuti.

Gli ambiti dell’intesa

“L’accordo firmato”, dichiara in una nota Bonfiglio Mariotti, Presidente di AssoSoftware, “è il segnale concreto della volontà del Ministero di intraprendere un percorso stabile di confronto e collaborazione con i produttori di software gestionale con l’obiettivo di giungere all’avviamento del Ren evitando gli inconvenienti riscontrati in passato. È un importante passo in avanti nel segno della condivisione preventiva delle specifiche tecniche/normative, dei tracciati, dei controlli diagnostici, delle componenti del sistema telematico, degli ambienti di test e dell’auspicata interoperabilità tra i software gestionali, i sistemi e le banche dati della Pubblica Amministrazione.”
L’accordo, in particolare, regolamenta sia  la collaborazione tra le parti per l’analisi e la definizione delle specifiche tecniche e di processo dei servizi da realizzare, sia la fase di sperimentazione indicata nel cronoprogramma ministeriale, nel corso della quale, per testare il cosiddetto “percorso del rifiuto” e l’interoperabilità, sarà identificato un campione significativo di imprese e filiere complete che, sotto la guida delle software house, potranno verificare il corretto funzionamento del sistema.

WHITEPAPER
Energy e Blockchain: quali opportunità?
Blockchain
Sviluppo Sostenibile

Sarà il Tavolo tecnico permanente l’ambito in cui Pubblico e aziende private coopereranno mettendo a fattor comune, nel rispetto dei rispettivi ruoli, le metodologie e le conoscenze acquisite in campo informatico, operativo e normativo con l’obiettivo di massimizzare la qualità dei prodotti gestionali e ottimizzare i tempi di rilascio sul mercato.

“È interesse comune”, chiosa la nota, “che questo impegno congiunto eviti disagi all’utenza, accresca l’efficienza delle soluzioni adottate e permetta di intercettare in anticipo le esigenze emerse nel corso della sperimentazione intervenendo in tempo utile per apportare le modifiche necessarie”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4