Il 5G per combattere la pandemia, Zte accelera su competenze e progetti - CorCom

STRATEGIE

Il 5G per combattere la pandemia, Zte accelera su competenze e progetti

Le sfide messe nero su bianco nel Report sostenibilità 2020. L’azienda aumenta anche l’effort per la “crescita verde” con l’obiettivo di ridurre al minimo l’impatto ambientale in chiave carbon neutrality

20 Mag 2021

A. S.

rhdr

Sfruttare le tecnologie per combattere la pandemia da Covid-19, promuovere lo sviluppo dell’economia digitale e perseguire la crescita verde e migliorare le proprie pratiche di corporate governance e i piani per il futuro. Sono questi i principali impegni messi in campo nel 2020 da Zte, fornitore internazionale di soluzioni tecnologiche per le telecomunicazioni, le imprese e i consumatori per l’Internet mobile, secondo le informazioni contenute nel rapporto 2020 sulla sostenibilità, il tredicesimo, appena pubblicato dal gruppo.

Il 5G per combattere la pandemia

All’inizio della pandemia di Covid-19 nel 2020, Zte ha coordinato rapidamente le risorse su scala globale, coprendo la produzione e la distribuzione, la costruzione della rete, la comunicazione garantita, i servizi in loco e le applicazioni di servizio e altro ancora. Ha costruito reti 4G/5G con gli operatori per oltre 210 ospedali in 82 città e 26 province in Cina, colmando il gap di comunicazione necessario per il supporto vitale. “Con l’aggravarsi della pandemia – si legge in una nota – Zte ha contribuito, sfruttando le tecnologie, insieme ai suoi partner industriali, allo sviluppo di applicazioni innovative, tra cui: la telemedicina basata sul 5G, la logistica intelligente, le classi basate sul cloud 5G e la sicurezza tridimensionale”.

WHITEPAPER
Come realizzare una strategia di SICUREZZA per la RESILIENZA integrata
Sicurezza
Cybersecurity

La società ha inoltre istituito 12 filiali tra Wuhan, Chengdu, Chongqing e altre città della Cina, nonché in Myanmar, India e altri paesi, per chi volesse aiutare i più bisognosi. La Fondazione Zte ha donato materiali per la prevenzione della pandemia, tra cui maschere, occhiali, tute protettive e ventilatori sia in Cina che in oltre 50 paesi e regioni del mondo.

 L’impegno sulle competenze di base

 “Nel 2020, la pandemia ha cambiato notevolmente il modo in cui le persone vivono e lavorano, rendendo i servizi Ict una necessità come l’aria, l’acqua e l’elettricità – afferma Xu Ziyang, presidente di Zte Corporation – Le imprese avevano quindi bisogno di accelerare la trasformazione digitale e intelligente, non solo per ridurre i costi e aumentare l’efficienza, ma per diventare più agili e intelligenti, affrontando meglio le incertezze di ambienti esterni, mercati e tecnologie”.

In quest’ottica Zte ha investito più di 10 miliardi di Rmb su base annua in R&S e alla fine di marzo 2021 aveva depositato 80.000 domande di brevetti globali, con più di 38.000 concessi. Accanto a questo c’è l’impegno per colmare il divario digitale tra gli scenari di business tradizionali e le applicazioni della tecnologia digitale, a fornire alle industrie soluzioni basate su scenari che creino davvero valore e a diventare un leader nella trasformazione digitale delle industrie. Nel 2020, l’azienda insieme a oltre 500 partner nei settori industriale, dei trasporti, energetico, governativo, finanziario, culturale e turistico ha creato numerose e innovative applicazioni del 5G e business practices. Come nel caso del lavoro portato concluso insieme a Yunnan Sunho Aluminum, un progetto che promuove la trasformazione e l’aggiornamento di Sunho con la “intelligent manufacturing” e consente all’impresa industriale tradizionale di risparmiare costi operativi, ridurre la manodopera e migliorare l’efficienza. Quanto poi all’assistenza ospedaliera, Zte offre soluzioni sanitarie intelligenti 5G che incorporano applicazioni innovative come le dimostrazioni di funzionamento, la consultazione a distanza, i giri di reparto a distanza, la diagnosi AI-aided e mobile.

In ambito educativo l’azienda fornisce molteplici scenari e applicazioni innovative per l’istruzione, come 5G + 4K classi remote, istruzione 5G cloud-based XR, 5G + AR, e insegnamento 5G + aule olografiche. Infine nel settore finanziario il database GoldenDB, distribuito e sviluppato da Zte, funge da base sicura e affidabile per il sistema di servizi bancari, salvaguardando ogni transazione per oltre 300 milioni di clienti.

 La prospettiva della carbon neutrality

“Crediamo fermamente che le acque lucide e le montagne rigogliose siano beni inestimabili, e cerchiamo di ridurre l’impatto sul nostro ambiente dalla fonte. Usiamo materie prime più ecologiche e miglioriamo le tecniche di produzione – spiega Xie Junshi, vicepresidente esecutivo e direttore operativo di Zte – Impieghiamo tecnologie più avanzate per promuovere le prestazioni del prodotto. Ci siamo impegnati a raggiungere la massima efficienza energetica, dello spettro, e di funzionamento della rete per facilitare lo sviluppo sostenibile”.

Nello specifico, Zte ha depositato più di 500 brevetti di innovazione verde 5G, e ha assistito più di 20 operatori nella costruzione di oltre 500.000 siti verdi ad alta efficienza in paesi e regioni come Cina, Italia, Vietnam, Myanmar, Pakistan, Sud Africa ed Etiopia. Proprio nel 2020 ha rilasciato il PowerPilot, una soluzione per l’efficienza energetica delle reti 4G e 5G. “L’energia risparmiata dalla soluzione PowerPilot è il doppio di quella delle soluzioni convenzionali di risparmio energetico basate sull’AI – spiega Zte in un comunicato – e può conservare fino al 20% di energia in una rete multimodale, riducendo così efficacemente le spese operative. Attualmente, la soluzione è stata commercializzata con successo su più di 700.000 siti in oltre 20 reti in tutto il mondo”.

Zte partecipa inoltre alla ricerca relativa agli standard di risparmio energetico, e nel 2020, insieme a GSMA Intelligence, ha pubblicato il libro bianco “5G Energy Efficiencies, Green is the New Black”, un libro bianco che analizza il background e i principi della costruzione e del miglioramento dell’efficienza energetica delle reti di telecomunicazione nell’era del 5G.

L’azienda inoltre, specifica il rapporto, è orientata verso obiettivi di gestione in termini di risparmio energetico e di emissioni di scarico, e rafforza ulteriormente la tecnologia di produzione e il miglioramento delle attrezzature per ridurre il consumo di risorse naturali e l’impatto sull’ambiente.

Crescere con dipendenti e partner e contribuire alla comunità globale

Nel 2020, Zte ha ulteriormente migliorato la sua trasformazione digitale interna, e ha creato una “Ultimate Cloud Company” interamente basata sul cloud per i settori di R&S, funzionamento, ufficio e produzione. Durante la pandemia, inoltre, i servizi cloud di Zte hanno permesso a più di 70mila dipendenti in tutto il mondo di lavorare da casa. Ancora più importante, l’efficienza del lavoro a distanza di oltre 30mila addetti alla R&S ha raggiunto più del 95%.

In termini di governance aziendale, spiega il report, Zte ha ulteriormente rafforzato l’attrazione e gli incentivi dei talenti principali, migliorato il sistema di gestione della conformità, potenziato il sistema di gestione del controllo interno aziendale, e ha raggiunto una crescita di alta qualità lungo il percorso a tre fasi di “recupero, crescita ed espansione”.

Rispetto poi al contributo alla comunità globale, la Fondazione Zte è impegnata a “sostenere lo spirito del benessere pubblico, adempiere alla responsabilità aziendale e promuovere lo sviluppo del benessere pubblico”, concentrandosi nell’ultimo anno su tre campi principali: cure mediche, assistenza all’istruzione e aiuto ai gruppi svantaggiati. Nel 2020, la Fondazione Zte ha investito più di 14 milioni di yuan nel welfare pubblico, ha attuato 37 progetti di welfare pubblico e ha svolto 73 attività di welfare pubblico volontario. Il China Foundation Transparency Index (FTI) 2020 della Fondazione ha ottenuto il massimo dei voti per tre anni consecutivi e ha vinto il “Premio annuale per l’innovazione della beneficenza” e il “Premio annuale per il progetto di beneficenza” al decimo China Charity Festival.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3