Impresa 4.0, incentivi utilizzabili in 3 anni ma si alzano le soglie - CorCom

IL PIANO

Impresa 4.0, incentivi utilizzabili in 3 anni ma si alzano le soglie

Nel progetto del Mise, ora al vaglio del Mef, nel 2021 il bonus per beni strumentali (ex iperammortamento) sarebbe del 40% per investimenti fino a 4 milioni, del 20% tra i 4 e i 10 milioni e del 10% per 20 milioni. Per i beni immateriali si passa dal 15% al 20% fino a 1 milione di euro

20 Ott 2020

F. Me.

Incentivi 4.0 utilizzabili in 3 anni. Secondo quanto riporta il Sole 24 Ore nel piano Mise da 30 miliardi, adesso al vaglio del Mef, si prevede – anche se è ancora aperta la discussione tra i due ministeri – che il periodo di compensazione del credito di imposta per l’acquisto di beni strumentali si riduca da 5 a 3 anni e a un anno per aziende con ricavi fino a 5 milioni che comprano beni non 4.0

Nel provvedimento si alzano inoltre le soglie dei crediti di imposta per i beni strumentali ma solo per il 2021: il prossimo anni il bonus sarebbe del 40% per investimenti fino a 4 milioni, del 20% tra i 4 e i 10 milioni e del 10% per 20.

Per i beni immateriali si passa dal 15% al 20% fino a 1 milione di euro.

Per i beni tradizionali – non 4.0 che rientrano nel vecchio superammortamento – il credito di imposta sarebbe del 6% nel 2021 per aziende con ricavi fino a 5 milioni.

Si sale al 10% sempre solo per il 2021 per l’incentivo ai beni strumentali materiali mentre è allo studio una soglia del 15%, se si tratta di sistemi che abilitabo lo smart working.

Per quanto riguarda il credito di imposta per l’R&S l’aliquota dovrebbe salire  dal 12% al 20%, per l’innovazione dal 6% al 10% che diventa 15% se si tratta di iniziativa in ottica di sostenibilità.

Confermata nel piano Mise anche la proroga triennanle e il rafforzamento del credito di imposta per la formazione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
Impresa 4.0

Articolo 1 di 3