IL TEST

Industria 4.0, Skoda sperimenta la smart factory 5G

La casa automobilista prova negli stabilimenti di Mlada Boleslav la rete mobile privata per i processi produttivi. Christian Schenk: “La tecnologia offre un enorme potenziale per le innovazioni future, dalla manutenzione predittiva alle ispezioni ottiche”

15 Lug 2022

A. S.

skoda

Una rete privata 5G per rendere più rapidi ed efficienti i processi produttivi e mettere le basi per la smart factory del futuro. Ad  aver avviato il progetto pilota di industria 4.0 è la casa automobilistica Skoda, che lo sta testando all’interno dello stabilimento di Mlada Boleslav, in Repubblica Ceca.

“La rete privata 5G è una pietra miliare per Skoda nel suo viaggio verso la Smart Factory – afferma Christian Schenk, componente del Cda dell’azienda per finanze e IT – La tecnologia offre un enorme potenziale per le innovazione future, per esempio nella manutenzione predittiva e per le ispezioni ottiche nella costruzione della carrozzeria. Con questo progetto pilota stiamo testando il 5G nelle operazioni quotidiane e valuteremo anche altri usi per essere ancora più efficienti e flessibili”.

“Lo standard 5G crea anche nuove possibilità per il trasporto autonomo nella logistica, per la realtà aumentata nella produzione e per molte altre applicazioni – aggiunge Michael Oeljeklaus, Membro del Cda di Skoda auto Produzione e Logistica – Un esempio importante è l’applicazione ‘Fata Morgnana’, che consente ai tecnici specializzati di supportare i manutentori da remoto, anche se si trovano in due diversi continenti: viene creato un gemello digitale in tempo reale e si comunica utilizzando oggetti 3D in realtà aumentata. Questo è possibile – prosegue – grazie al flusso dati molto più veloce e alla minore latenza che caratterizzano la connettività 5G. Inoltre, gli occhiali Microsoft HoloLens 2 migliorano anche l’efficienza del gemello digitale dell’area scansionata“.

Una volta completati questi primi test, la roadmap di Skoda verso la smart factory prevede che venga implementato il collegamento in wireless intelligente di robot e strumenti di assemblaggio. I primi test sono inoltre stati eseguiti integrando la nuova rete privata 5G con le reti già esistenti, in modo che possa essere garantita la sicurezza delle informazioni e si possa monitorare in tempo reale i risultati. Se le prove daranno gli esiti che l’azienda si attende l’applicazione della tecnologia sarà progressivamente estesa a tutti i settori della produzione e della logistica. Fino a essere utilizzata anche nel trasporto autonomo dei veicoli e per la manutenzione predittiva, in combinazione con gli altri dispositivi già disponibili allo Skoda FabLab.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5