Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INNOVAZIONE

Industria 4.0, Purassanta: “Informatica leva di sostenibilità”

L’amministratore delegato di Microsoft Italia sulla quarta rivoluzione industriale: “La tecnologia è un valore aggiunto che aiuta l’uomo a fare meglio. Nei prossimi decenni sarà tutto digitalizzato”

07 Giu 2017

Andrea Frollà

“L’informatica non deve fare paura perché è un valore aggiunto che aiuta l’uomo a fare meglio”. È questo il messaggio lanciato dall’amministratore delegato di Microsoft Italia, Carlo Purassanta, parlando di quarta rivoluzione industriale in occasione di un incontro sulla “Sostenibilità 4.0”, organizzato nella Microsoft House di Milano.

L’informatica, spiega l’Ad, è uno strumento per migliorare e rendere più semplice la vita delle persone, in un mondo più sostenibile e in città intelligenti. L’industria 4.0, auspica Purassanta, porterà a “un mondo più sostenibile ed equo” e “offre una nuova cassetta degli attrezzi, più informazioni che mai, e nei prossimi decenni l’ambiente sarà tutto digitalizzato”.

Come individui, comunità e aziende, sottolinea il top manager, “possiamo utilizzare la tecnologia per trasformare le nostre società e vivere da cittadini più globali ed ecologici”. In particolare, aggiunge, bisogna ripensare le città perché “entro il 2050 oltre l’80% della popolazione vivrà in aree urbane”. In questo contesto, per aiutare la collettività a capire le potenzialità del digitale, l’azienda ha aperto ai cittadini la sua sede milanese, la Microsoft House, che “da metà febbraio a oggi ha ospitato circa 39mila persone, tra studenti, start up, Pmi e associazioni”.