8 MARZO

Digital fluency e tech skill le chiavi per la “parità” contributiva

In Italia gli uomini guadagnano un terzo in più delle donne. Ma il gap si potrebbe chiudere nel 2049, con 42 anni di anticipo rispetto alle stime attuali. La ricetta di Accenture nello studio Getting to Equal

08 Mar 2017

Mila Fiordalisi

Digital fluency, strategia di carriera, competenze tecnologiche: questi i tre fattori che consentirebbero alle donne di raggiungere la parità contributiva con i colleghi uomini. Ma il condizionale è d’obbligo, perché senza un intervento fattivo di governi, mondo accademico e imprese non sarà possibile arrivare a “destinazione”. Questa la tesi messa nero su bianco nello studio “Getting to Equal 2017” a firma di Accenture.

Nei mercati maturi – si legge- la compresenza dei tre fattori potrebbe eliminare le differenze salariali entro il 2044, con 36 anni di anticipo rispetto al previsto. Nei mercati emergenti, invece, l’anticipo potrebbe addirittura superare i 100 anni, garantendo così il raggiungimento dell’uguaglianza salariale entro il 2066, anziché nel 2168. In Italia si potrebbe raggiungere la parità salariale nel 2049, rispetto al previsto 2091, con 42 anni di anticipo.

Riguardo specificamente alle retribuzioni, a livello mondiale, per ogni 140 dollari guadagnati da un uomo, una donna ne guadagna mediamente 100. Uno squilibrio aggravato dal fatto che, rispetto agli uomini, le donne hanno una probabilità di gran lunga inferiore di ottenere un lavoro retribuito (50% vs. 76%). Ciò contribuisce a un “divario retributivo nascosto” che aumenta le disuguaglianze economiche tra i sessi: la ricerca rivela che ogni 100 dollari guadagnati da una donna ne corrispondono 258 ottenuti da un uomo.

WHITEPAPER
Che differenza c’è tra i Business Continuity e Disaster Recovery?
IoT
Manifatturiero/Produzione

In Italia, per ogni 100 dollari guadagnati da una donna un uomo ne guadagna mediamente 131. Una distanza che aumenta parlando di “divario retributivo nascosto”: per ogni 100 dollari guadagnati da una donna un uomo guadagna mediamente 192 dollari.

Secondo la ricerca Accenture, in Italia il divario retributivo risulta inferiore rispetto a Inghilterra (131 vs 161), Francia (131 vs 135), Germania (131 vs 160).

Inoltre, lo studio identifica diversi fattori fondamentali che influiscono sulla capacità di una donna di conquistare la parità retributiva fin dall’università. In Italia le studentesse universitarie hanno attualmente meno probabilità rispetto ai colleghi maschi di scegliere un’area di studio che a loro avviso possiede un elevato potenziale retributivo (13% vs. 24%), di avere un mentore (17% vs. 24%) o di ambire a posizioni di alta dirigenza (35% vs. 43%). Inoltre, le giovani donne dimostrano minore prontezza nell’adottare le nuove tecnologie (49% vs. 59%) e minore partecipazione a corsi di programmazione e informatica (77% vs. 82%).