LA COMPETIZIONE UE

Neurality e YK-Robotics le italiane sul podio di Eit BoostUp

Le due startup fra gli 8 vincitori del contest lanciato dall’Institute of Innovation & Technology della Commissione europea per premiare le soluzioni in grado di rendere il manufacturing più competitivo, efficiente e sostenibile. Le aziende si aggiudicano 20mila euro ciascuna per lo sviluppo del business

10 Ott 2022

Veronica Balocco

startup-160203165104

Ci sono anche le italiane Neurality e YK-Robotics fra le otto startup vincitrici di BoostUp!, il contest lanciato da Eit Manufacturing, organo dell’Institute of Innovation & Technology della Commissione europea, allo scopo di  premiare le soluzioni in grado di rendere il manufacturing più competitivo, efficiente e sostenibile.

Selezionate fra i 20 finalisti, a loro volta scelti fra 50 candidati, le startup hanno ricevuto un premio di 20mila euro, oltre a servizi di supporto alla creazione d’impresa. Neurality ha inoltre ottenuto un ulteriore premio di 5mila euro per essere la startup meglio valutata di un paese Ris (Regional Innovation Scheme).

Con le due italiane, sul podio vi sono anche PurCity, Denmark; Ellure, Sweden;  Invanta, Czech Republic; QSEE, Israel; Embedded ocean, Germany e  Stryza, Germany.

Focus su sostenibilità, circolarità e digital

L’edizione 2022 del contest ha offerto soluzioni che rientrano in una delle quattro aree di punta di EIT Manufacturing per il supporto di soluzioni di produzione sostenibili, circolari e digitali: sistemi di produzione flessibili per una produzione competitiva; sistemi a basso impatto ambientale ed economia circolare per la produzione ecologica; soluzioni digitali e collaborative per ecosistemi di produzione innovativa; collaborazione uomo-macchina per una produzione socialmente sostenibile.

WHITEPAPER
Efficienza energetica nei processi produttivi: scopri come, grazie a Digitalizzazione e AI
Intelligenza Artificiale
IoT

Valutate anche la competitività e la scalabilità del progetto

Tutti i concorrenti hanno lavorato a progetti pilota o proof-of-concept progettati per dimostrare la validità della loro tecnologia, in collaborazione con una grande azienda manifatturiera. I finalisti sono stati scelti in base alla pertinenza e all’impatto della loro soluzione rispetto al caso d’uso e alle sfide specifici del produttore, all’unicità e alla competitività complessive della soluzione e alla scalabilità. I valutatori hanno anche considerato l’esperienza e la spinta imprenditoriale del team e l’impressione generale della domanda.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
manifatturiero
O
Open innovation
S
startup

Articolo 1 di 2