INDUSTRIA 4.0

Nokia-Uts Tech Lab, nasce in Australia il primo micro-birrificio 5G

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con la University of Technology di Sidney e consente di utilizzare l’automazione digitale per ottimizzare i processi di produzione, grazie ai gemelli digitali a Dortmund e in cloud

16 Mag 2022

Antonello Salerno

Uts Tech Lab

Nasce dalla collaborazione tra Nokia e la University of Technology di Sidney il primo micro-birrificio connesso grazie a una private network 5G. Il progetto fa parte dell’attività di ricerca sull’industria 4.0 dell’ateneo australiano e consentirà ai ricercatori di perfezionare l’arte della produzione della birra utilizzando le possibilità offerte dall’automazione digitale per ottimizzare i processi di produzione.

La “Industry 4.0 nano-brewery”, nello specifico, è un banco di prova per le attività di “Advanced Manufacturing and Industrial Data Science” sviluppate dallo Uts Tech Lab. LaNano-Brewery” è parte di una rete internazionale di produzione che ha una propria replica digitale nella TU Dortmund University in Germania. Lo stabilimento è in grado di raccogliere e monitorare tutti i dati che riguardano la produzione in ogni passaggio del processo, e di utilizzare queste informazioni, insieme a quelle provenienti dal “digital twin” di Dortmund e dal gemello digitale replicato in cloud per ottimizzare la produzione.

A fornire la connessione 5G sono i FastMile 5G Gateways di Nokia, connessi con alla rete wireless standalone 5G “Nokia Digital Automation Cloud 5G”, che è attiva grazie alle small cell “Nokia AirScale Indoor Radio” posizionate all’interno dei tech lab del campus. La rete private wireless 5G fa parte dei Futures Lab aperti da Nokia nel 2021 e utilizzate per supportare anche altri progetti dei tech Lab dell’università, come il progetto 5G Connected Cobots finanziato dal governo autraliano.

“Il nostro obiettivo è di promuovere i principi dell’industria 4.0 presso le attività produttive locali, offrendo dei banchi di prova che danno ai nostri partner gli elementi necessari per migliorare i loro processi manifatturieri e andare verso la business intelligence – spiega Jochen Deuse, direttore del centro per l’advanced manufacturing dell’Uts – La nostra collaborazione internazionale con TU Dortmund e Nokia ci consente di dare una dimensione ‘globale’ ai risultati di questi test”.

Le iniziative di Uts nel campo dell’industria 4.0 sono un contesto interessante in cui sviluppare e testare nuove applicazioni del 5G – aggiunge Tommi Uitto, presidente Mobile Networks di Nokia – Nel micro-birrificio artigianale siamo in grado di dimostrare come le reti private 5G e le tecnologie basate sul cloud aiutino a ottimizzare i processi di produzione della birra di arrivare sempre più vicini a ottenere ‘la pinta perfetta’”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3