Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

INDUSTRIA 4.0

Robot all’arrembaggio: 2 milioni di nuove installazioni nel 2022

Aumenta – secondo le stime dell’International Federation of Robotics – la diffusione nelle fabbriche di tutto il mondo. La sfida è garantire l’interoperabilità delle macchine a prescindere dal produttore

21 Feb 2020

F. Me

Dal 2020 al 2022 quasi 2 milioni di nuovi robot industriali verranno installati nelle fabbriche di tutto il mondo. Le stime sono dell’Ifr (International Federation of Robotics) che in uno studio evidenzia anche le nuove tendenze tecnologiche e gli sviluppi di mercato. “La robotica e l’automazione intelligente sono fondamentali per risponde alle nuove esigenze dei consumatori e garantire la varietà di prodotti – spiega Susanne Bieller, segretario generale dell’Ifr – Inoltre le nuove soluzioni tecnologiche aprono la strada a una maggiore flessibilità nella produzione.”

Semplificazione, collaborazione e digitalizzazione sono driver chiave che andranno a beneficio dell’implementazione dei robot.

I robot diventano più smart

La programmazione e l’installazione dei robot saranno molto più semplici. In pratica i sensori digitali combinati con un software intelligente consentiranno metodi di “insegnamento” diretto alle macchine, la cosiddetta “Programmazione per dimostrazione”. Il compito che il robot deve eseguire viene prima effettuato da un essere umano che prende letteralmente il braccio della macchina e lo guida nei movimenti. I dati di movimento vengono trasformati dal software nel sistema digitale collocato nel braccio del robot. In futuro gli strumenti di apprendimento automatico consentiranno ai robot di apprendere mediante prove ed errori oppure dimostrazioni video nonché di ottimizzare automaticamente i loro movimenti.

La collaborazione uomo-macchina

La collaborazione uomo-robot è un’altra tendenza importante nella robotica. Grazie alla capacità di lavorare in tandem con gli umani, i moderni sistemi robotici si adattano facilmente agli ambienti. La gamma di applicazioni collaborative offerte dai produttori di robot continua ad espandersi: attualmente le applicazioni per spazi di lavoro condivisi sono le più comuni mentre sono di più difficile sviluppo quelle che permettono di operare sulla stessa attività. Con la tecnologia di oggi la collaborazione uomo-robot ha già un enorme potenziale per le aziende di tutte le dimensioni e settori.

I robot diventano digitali

I robot industriali sono le componenti centrali della produzione nell’industria 4.0. Per questo è importante che i robot siano interoperabili a prescindere dal produttore :la “Opc Robotics Companion Specification”, sviluppata da un gruppo di lavoro congiunto di Vdmae Open Platform Communications Foundation (Opc), definisce un’interfaccia generica standardizzata per robot industriali e consente il collegamento all’IoT. Cruciale anche il cloud come fattore abilitante di nuovi modelli di business:  il Robots-as-a-Service, ad esempio, presenta vantaggi che potrebbero essere particolarmente interessanti per le Pmi dato non c’è nessun capitale impegnato e si tagliano i costi fissi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

I
Ifr

Approfondimenti

I
industria 4.0
R
robot

Articolo 1 di 4