Transizione 4.0, dal Fondo complementare risorse aggiuntive per 4,5 miliardi - CorCom

#NEXTGENERATIONITALY

Transizione 4.0, dal Fondo complementare risorse aggiuntive per 4,5 miliardi

Oltre ai 14 miliardi del Next Generation Eustanziati ulteriori fondi per accelerare i processi di innovazione industriale. 400 milioni in più anche per banda ultralarga e 5G. Un miliardo extra per le tecnologie satellitari

27 Apr 2021

F. Me.

Oltre 4 miliardi (4,48) del Fondo complementare derivante dallo scostamento di bilancio andranno ad alimentare il piano Transizione 4.0 finanziato in larga parte dal Next Generation Eu. Nell’ultima versione del Pnrr sulla distribuzione del fondi europei – quella inviata alle Camere per l’approvazione – le risorse per l’innovazione industriale erano scese a 13,97 miliardi dai 18 messi nero su bianco nella prima versione del Piano. Ma con l’aggiunta dei 4,48 del Fondo si torna alla cifra di 18 e oltre (18,45).

Risorse aggiuntive anche per le reti ultraveloci: ai 6,3 miliardi per banda larga e 5G provenienti dal Next Eu vanno aggiunti 400 milioni del Fondo. Stesso discorso per le tecnologie satellitari: 1 miliardo da sommare al miliardo e 19 milioni delle risorse Ue.

“Oltre al Pnrr da 191,5 miliardi e al Piano complementare da 30,6 miliardi – ha spiegato il presidente del Consiglio Mario – sono stati stanziati, inoltre, entro il 2032, ulteriori 26 miliardi da destinare alla realizzazione di opere specifiche. È poi previsto il reintegro delle risorse del Fondo sviluppo e coesione, utilizzate nell’ambito del dispositivo europeo per il potenziamento dei progetti ivi previsti per 15,5 miliardi. Nel complesso potremo disporre di circa 248 miliardi di euro”.

Transizione 4.0, cos’è e come funziona

Il Piano Transizione 4.0 costituisce un’evoluzione del precedente programma Industria 4.0 ma introduce tre importanti novità:

  • l’ampliamento, a partire dal 2020, dell’ambito di imprese potenzialmente beneficiarie grazie alla sostituzione dell’iper-ammortamento con appositi crediti fiscali di entità variabile a seconda dell’ammontare dell’investimento, ma comunque compensabili con altri debiti fiscali e contributivi;
  • il riconoscimento del credito non più su un orizzonte annuale, osservando gli investimenti effettuati in tutto il biennio 2021. Si dà così alle alle imprese un quadro più stabile per la programmazione dei propri investimenti.
  • L’estensione degli investimenti immateriali agevolabili e l’aumento delle percentuali di credito e dell’ammontare massimo di investimenti incentivati. Si tratta di innovazioni sono finalizzate a compensare almeno in parte l’incertezza del quadro macroeconomico post-pandemico, sostenendo le imprese che investono per innovare/digitalizzare i propri processi produttivi. L’aumento di produttività e la maggiore efficienza conseguiti da queste imprese contribuiranno ad aumentare la competitività e la sostenibilità delle filiere produttive in cui queste sono integrate, con positive ricadute sull’occupazione.

 La transizione digitale del Paese a Forum PA 2021

Lo sviluppo sostenibile del paese passa necessariamente dalla definizione di una nuova, coerente ed efficace politica industriale per l’innovazione e la competitività delle imprese. Il 22 giugno dalle 14 alle 18 a Forum PA 2021 si delineeranno le principali linee di intervento volte a garantire l’ammodernamento e la trasformazione digitale del settore produttivo: transizione 4.0, infrastrutturazione tecnologica del paese (reti ultraveloci in fibra ottica e 5G), ricerca e sviluppo, internazionalizzazione, sviluppo e innovazione del Made in Italy.

L’evento  moderato dal dg di FPA, Gianni Dominici, si aprirà con lo speech di Sangeet Paul Choudary, ceo di Platformation Labs. Alla tavola rotonda parteciperann:

  • Andrea Rangone, presidente di Digital360,
  • Tiziana Catarci, Direttrice – Dipartimento di Ingegneria Informatica, Automatica e Gestionale “A.Ruberti” – Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”
  • Alec Ross, Distinguished Visiting Professor Bologna Business School, – Università degli Studi di Bologna
  • Agostino Santoni, Vice Presidente Sud Europa – Cisco Italia

Qui tutte le informazioni per iscriversi https://forumpa2021.eventifpa.it/it/event-details/?id=9802

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2