L'INIZIATIVA

Come farsi assumere dalle big tech americane: via alla Superhero Valley

L’associazione fondata da un gruppo di laureati in Informatica all’Università di Pisa punta a spingere l’occupazione degli italiani nei colossi americani attraverso programmi di mentoring e preparazione ai colloqui di lavoro. Gli iscritti già a quota 1.400

07 Dic 2022
assicurazioni-digitale-informatica-161013134007

Talks, gruppi di esercizio e mock interview. Sono gli ingredienti basilari di Superhero Valley, community online italiana senza scopo di lucro che “addestra” i giovani ad affrontare colloqui con le Big tech. Nato dall’idea di quattro studenti del Dipartimento d’Informatica dell’Università di Pisa – oggi svolgono ricerca o lavorano in questo ambito – il progetto punta a formare laureati che vogliono fare il loro ingresso nelle compagini di Google, Apple, Microsoft, Amazon o Netflix.

Come nasce Superhero Valley

Superhero Valleyy conta già più di 1.400 iscritti da tutta Italia e ha ricevuto il supporto di docenti dell’Università di Pisa, Statale di Milano, Sapienza di Roma, Università di Trento, Università di Padova, Ca’ Foscari di Venezia, Università di Torino.

WHITEPAPER
Sfrutta l’identità digitale per accelerare l’onboarding e migliorare la relazione con i tuoi clienti
Dematerializzazione
Marketing

“Abbiamo aiutato a rendere il profilo professionale degli iscritti sempre più attraente per le grandi multinazionali della tecnologia – racconta uno dei fondatori – mettendoli anche in contatto con molti ingegneri italiani che già lavorano in queste aziende e che possono spiegare questi lavori meglio di chiunque altro”.

Ecco chi sono i fondatori

Alessandro Berti, 28 anni di Piombino, è dottorando in computazione quantistica presso l’Università di Pisa e attualmente sta svolgendo un semestre all’estero al Fermilab di Chicago. Luca Corbucci, 27 anni di Viterbo, è anche lui dottorando in Informatica presso l’Ateneo pisano. Remo Andreoli, 26 anni di Pontedera, sta svolgendo il dottorato in Cloud Computing alla Scuola Superiore Sant’Anna in collaborazione con i ricercatori di Ericsson Research. Eugenio Paluello, 29 anni di Spoleto, sta invece lavorando per una multinazionale in ambito blockchain.

“Durante l’università ci scordiamo che oltre allo studio è importante poter fare esperienze lavorative – spiega Corbucci – e allora perché non puntare in alto e provare a farle in una delle compagnie tecnologiche più grandi del mondo? Con la nostra community, siamo qui per informare e formare i nostri coetanei su queste opportunità”.

Il nuovo programma di mentoring

La community offre anche un programma di mentoring, attraverso cui le studentesse e gli studenti possono essere seguiti durante il loro percorso formativo da un ingegnere che lavora presso una delle grandi aziende tecnologiche della Silicon Valley.

“Abbiamo una visione circolare – spiega Berti – e la nostra speranza è che le ragazze e i ragazzi, dopo mesi o anni di lavoro in questi contesti altamente specializzati, possano rientrare in Italia e portare con sé la mentalità e le competenze acquisite per contribuire allo sviluppo tecnologico delle aziende nostrane“.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Aziende

S
Superhero Valley

Approfondimenti

F
formazione
I
informatica

Articolo 1 di 4