INTERNET SAFER DAY

Competenze digitali, l’annuncio dell’Europa: nuova strategia in primavera

Si punta ad aggiornare le regole in vigore dal 2012 per venire incontro alle esigenze delle nuove generazioni. Il piano farà leva su aule hi-tech e sulla formazione degli insegnanti

08 Feb 2022
safer internet day 2022

La Commissione Europea proporrà a breve, in primavera, una nuova strategia per sostenere le competenze digitali, garantire esperienze adeguate all’età e stimolare la partecipazione dei minori. Ad annunciarlo è la stessa Commissione in occasione della giornata mondiale del Safer Internet day 2022 che si celebra oggi. Obiettivo dell’iniziativa è garantire che la strategia europea per un’Internet migliore per i ragazzi, che era stata adottata nel 2012, sia ancora oggi adatta e aggiornata all’era digitale. A partire dalle aule ben attrezzate e da insegnanti dotati di competenze digitali, passando per un ambiente digitale sicuro per i minori, che oggi rappresentano veri e propri diritti e fanno parte dei principi digitali proposti a gennaio in una dichiarazione che guiderà la trasformazione digitale nell’UE.

“La strategia – spiega la Commissione Ue in una nota – che ha influenzato le politiche nazionali nella maggior parte degli Stati membri dell’UE e le azioni su temi quali le notizie false, il bullismo online o l’esposizione a contenuti nocivi, tocca ogni anno migliaia di scuole e giovani, ma anche genitori e insegnanti”. Per fornire ai minori, ai loro genitori e agli educatori una serie di informazioni, orientamenti e risorse sulle questioni connesse a Internet la Commissione ha hache supportato il portale Better Internet for Kids.

La giornata “Per un Internet più sicuro” è promossa dalla rete di centri “Internet più sicuro” negli Stati membri, un’iniziativa finanziata dall’Ue. Il senso della giornata è nella volontà di invitare i giovani, i genitori, i prestatori di assistenza, gli insegnanti, i responsabili politici e i rappresentanti dell’industria e delle organizzazioni a partecipare alle manifestazioni organizzate nel loro Paese e a svolgere un ruolo nella creazione di un mondo online migliore, in particolare per i bambini e i giovani.

“I minori giocano, creano, apprendono, interagiscono e si esprimono in un ambiente connesso e online fin dalla più tenera età – afferma Dubravka Šuica, vicepresidente della Commissione – Le tecnologie digitali permettono loro di partecipare a movimenti mondiali e di agire da cittadini attivi. I diritti di ogni minore devono pertanto essere tutelati e rispettati anche nell’ambiente digitale”.

“Il mondo digitale dovrebbe essere un ambiente positivo e sicuro per i bambini e i giovani – aggiunge Thierry Breton, Commissario per il Mercato interno – Così come forniamo ai nostri figli le competenze di base per poter andare in bicicletta in sicurezza, li dotiamo collettivamente delle competenze necessarie per navigare in sicurezza nel mondo online”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 2