FORMAZIONE

Digital skill, debutta l’Ict Talent Academy: in campo Fondazione Consulenti del Lavoro

Sviluppato in collaborazione con Beije People First, il progetto punta ad inserire giovani nel settore Information and Communication Technology e, nel lungo periodo, ridurre il mismatch tra domanda e offerta. Fino al 23 marzo aperte le candidature per il primo corso per Front end Developer e Back end Developer

14 Mar 2022

F. Me

skill-competenze2

Il mismatch  tra domande e offerta zavorra il mercato del lavoro in Italia. Secondo i dati Anpal-Unioncamere, per le aziende varia dal 34,9% al 37,8% la difficoltà a reperire personale dotato di competenze digitali di base. Più alta (dal 36% al 40,3%) in caso di richiesta di capacità matematico-informatiche. Mentre per le competenze 4.0 la difficoltà varia dal 37% al 40,9%.

In questo scenario nasce l’Ict Talent Academy, progetto di Fondazione Consulenti per il Lavoro in collaborazione con l’azienda Ict Beije People First che mira, appunto, a colmare il disallineamento tra i profili offerti e quelli richiesti dal mercato del lavoro.

“Il mismatch tra domanda e offerta di lavoro è uno dei problemi del nostro mercato – spiega Vincenzo Silvestri, presidente di Fondazione Consulenti per il Lavoro – L’Ict Talent Academy nasce proprio con l’obiettivo di ridurre il periodo di inserimento dei giovani nel mondo del lavoro. Con l’esperienza diretta in azienda, i lavoratori potranno formarsi, si accorcerà così la filiera e Fondazione Consulenti per il Lavoro potrà diventare un punto di riferimento, soprattutto, per le piccole e medie imprese”.

Già aperte le candidature per partecipare ai percorsi formativi specializzati che saranno avviati con questo progetto: entro il 23 marzo, infatti, gli appassionati di tecnologie e linguaggi di programmazione potranno candidarsi usando l’indirizzo e-mail job@beije.it per partecipare a corsi di programmazione destinati a Front end Developer e Back end Developer.

Le lezioni, interamente gratuite e da seguire a distanza, si svilupperanno in un arco temporale di tre mesi e saranno finalizzate all’inserimento in azienda con un contratto a tempo indeterminato. Fondazione Consulenti per il Lavoro e Beije People First premieranno i partecipanti più brillanti, che avranno frequentato almeno il 90% della durata del corso, con 30 borse di studio del valore di 1.500 euro.

L’Ict Talent Academy è una delle iniziative che Fondazione Lavoro svilupperà nei prossimi mesi, sempre in collaborazione con partner qualificati e con l’obiettivo di creare opportunità formative d’eccellenza.

I dati Anpal-Unioncamere

Il report Anpal-Unioncamere evidenzia le difficoltà di reperimento si intensificano al crescere del grado di importanza attribuito all’eskill richiesto per lo svolgimento della professione. Su scala territoriale le maggiori difficoltà di reperimento per le capacità matematico-informatiche emergono nel Nordest con un dato pari al 48,4%, in particolare in Friuli-Venezia Giulia (50,0%) e Veneto (48,8%).

WHITEPAPER
Ripensare il performance management. Quali nuovi approcci possibili? Scopri l’app Feedback4You!
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Per gestire le sfide tecnologiche e gestionali che le imprese devono affrontare è strategico comunque il possesso di eskill combinate tra loro. La domanda di eskill mix (ossia la padronanza di almeno due delle tre competenze digitali) nel 2021 ha riguardato 646mila posizioni: il mix di competenze digitali è più richiesto ai laureati (44,1%) – in particolare nelle materie Stem come ingegneria elettronica e dell’informazione (84,5%) e scienze matematiche e fisiche ed informatiche (73,5%) – rispetto ai diplomati (16%).

Quasi il 71% delle imprese ha investito in almeno uno degli ambiti della trasformazione digitale nel 2021, in crescita rispetto al valore medio del quinquennio 2016-2020 (68%). In particolarem il 42% delle imprese adotta strategie di investimento integrate in grado di combinare le aree della digital transformation. Nell’implementazione della transizione digitale assume, infatti, un’importanza strategica l’acquisizione di candidati con competenze adeguate.

Nel 2021 le imprese hanno domandato competenze digitali di base per la comunicazione visiva e multimediale a 2,8 milioni di profili professionali ricercati (pari al 60,5% del totale delle entrate), abilità relative all’utilizzo di linguaggi e metodi matematici e informatici a 2,3 milioni di posizioni (il 50,5%) e capacità di gestione di soluzioni innovative 4.0 a 1,7 milioni di entrate (il 36,4%).

Per i mix di competenze le difficoltà di reperimento raggiungono il 40% della domanda, che nell’ambito delle professioni specialistiche si concentrano nelle figure legate all’implementazione dei processi di digitalizzazione nell’organizzazione aziendale, quali ingegneri elettrotecnici (il 77,9% delle entrate per le quali il mix di competenza è ritenuto strategico è di difficile reperimento), progettisti e amministratori di sistemi informatici (65,0%) e analisti e progettisti di software (64,2%). Ma appare elevato anche il dato relativo ai medici (64,6%) e ai professori di scuola primaria (63,6%) anche per effetto della pandemia. Con riferimento invece alle professioni tecniche, il mix di competenze digitali è difficilmente reperibile anche per i tecnici programmatori (68,5%), tecnici esperti in applicazioni (62,7%), tecnici meccanici (52%) e disegnatori industriali (48,4%).

Su scala territoriale le maggiori difficoltà di reperimento per le capacità matematico-informatiche emergono nel Nord Est (con un dato pari al 48,4%), in particolare in Friuli-Venezia Giulia (50,0%) e Veneto (48,8%). A livello provinciale, Terni (59,3%), Pordenone (54,6%) e Piacenza (54,4%) sono le province dove le imprese fanno più fatica a trovare candidati con questa competenza; la posizione più alta occupata da una provincia del Mezzogiorno è la 53-esima (appannaggio di Messina: 40,6%).

E’ soprattutto il Nord Est a presentare il maggiore mismatch per la capacità di applicare tecnologie 4.0 (51,1%), con picchi in Trentino Alto Adige (52,4%) e Friuli Venezia Giulia (52,3%). Fra le province, ad evidenziare le maggiori difficoltà sono le imprese collocate nella provincia di Terni (67,4%), seguita da Rieti (64,6%) e da Belluno (64,4%). Infine, è di nuovo Caltanissetta (al 44° posto, con criticità riscontrate nel 44,9% dei casi) a comparire per prima in graduatoria tra le rappresentanti del Mezzogiorno.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5