IL REPORT

Il digitale salva-occupazione: le imprese italiane accelerano gli investimenti

Secondo le rilevazioni Unioncamere-Anpal sono 1 milione le aziende che hanno deciso di dotarsi di infrastrutture e tecnologie innovative per tenere testa alla crisi innescata dalla pandemia e recuperare competitività. Riflettori su cloud, mobile e big data

23 Lug 2020

Antonio Dini

Un milione di imprese in Italia sta accelerando sul fronte della digitalizzazione. E ciò impatterà positivamente sull’occupazione nazionale. E’ quanto emerge dall’indagine Excelsior, condotta fra il 25 maggio e il 9 giugno da Unioncamere in accordo con Anpal.

I problemi sono sul fronte occupazionale, dove, se da un lato tre imprese su quattro hanno mantenuto stabile il numero dei propri occupati nei primi sei mesi del 2020, dall’altro invece circa 290mila, pari al 21,3% delle aziende italiane con dipendenti, hanno dovuto ridurre i livelli occupazionali mentre altre 36mila (il 2,6%) li hanno aumentati.

Emerge, quindi, un saldo negativo tra imprese che hanno ridotto e imprese che hanno aumentato il numero dei propri dipendenti pari al -18,7 (con un massimo di -22,7 punti per le imprese con 10-49 dipendenti).

Vanno meglio le imprese esportatrici (-15,2 punti di differenza tra imprese in flessione e imprese in crescita rispetto al -19,1 delle non esportatrici). Segnali positivi emergono dall’indagine anche per le imprese già dotate di piani integrati di digitalizzazione, che mostrano una maggiore resistenza occupazionale – con un saldo negativo (-17,4) tra chi aumenta e chi diminuisce l’occupazione meno accentuato rispetto alle imprese non ancora digitalizzate (-19,3) – grazie alle innovazioni precedentemente introdotte.

La prima risposta all’attuale situazione di crisi le imprese la stanno trovando proprio nell’accelerazione dei processi di digitalizzazione: sono infatti 1.036mila quelle che stanno pianificando in questi mesi interventi di digitalizzazione (circa il 75% dell’universo di riferimento), segnando una crescita di circa 7 punti percentuali rispetto al periodo precedente l’emergenza sanitaria (+91mila imprese). I nuovi investimenti puntano soprattutto sugli ambiti che si sono rilevati strategici nella gestione dell’emergenza: soluzioni digitali per una innovativa organizzazione del lavoro e delle relazioni con clienti e fornitori; reti digitali integrate favorite anche da una maggiore diffusione del cloud, internet ad alta velocità e tecnologie IoT; utilizzo dei Big Data, Digital marketing e più avanzata personalizzazione di prodotti e servizi.

Si prevedono in ogni caso tempi lunghi per la ripresa: tra le imprese con almeno un dipendente (circa 1,4 milioni), al di là di una quota minoritaria (180mila) che dichiara di non aver subito perdite in questa crisi, la maggioranza, cioè circa 580mila, stima che la propria attività potrà tornare ai livelli pre-crisi non prima di giugno 2021; mentre solo poco meno di 219mila imprese vedono più vicino, tra luglio e ottobre, il ritorno ad una situazione accettabile e 381mila traguardano tale obiettivo per fine del 2020.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5