COMPETENZE E LAVORO

Its alla svolta: corsi per specialisti in Industria 4.0 e cybersecurity

Confindustria Alto Adriatico e Cluster Legno Arredo Casa Fvg battezzano un percorso per esperti in grado di spingere la digitalizzazione industriale. E il deputato dem Serse Soverini propone di formare esperti in sicurezza informatica e gestione dati da inserire nelle PA

31 Ago 2021

Mi Fio

skills-competenze

Allargare i percorsi formativi degli Istituti tecnici (Its) puntando sulle competenze digitali. È questa la nuova sfida su cui si stanno concentrando sempre più proposte a livello territoriale. Industria 4.0 e cybersecurity i nuovi ambiti di azione: l’obiettivo è formare esperti in grado di affiancare le industrie nel percorso di digitalizzazione e di mettere in sicurezza il patrimonio informatico in chiave di data protection.

Al via i corsi per tecnici industria 4.0 per legno-arredo

Confindustria Alto Adriatico e Cluster Legno Arredo Casa Fvg hanno annunciato un nuovo percorso di Its Alto Adriatico – scuola di eccellenza e alta specializzazione tecnologica presieduta dalla Territoriale di Confindustria – per formare Tecnici Superiori esperti di Industry 4.0 per la digitalizzazione della produzione e della gestione dell’industria del mobile e dei pannelli semilavorati, realizzando l’integrazione tra macchine, sistemi IT e soluzioni Industry 4.0. I corsi, al via il prossimo ottobre saranno di durata biennale e accoglieranno tra 25 e 30 studenti per un totale di 1.200 ore tra aula e laboratori e 800 ore di stage in azienda. La sede principale sarà il Consorzio universitario di Pordenone, ma sono coinvolti numerosi enti per la formazione e l’innovazione tra i quali l’istituto professionale Carniello di Brugnera e i partner storici Lean Experience Factory e Polo Tecnologico Alto Adriatico.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Esperti di cybersecurity per la PA

Moduli formativi di 2mila ore per formare esperti di cybersecurity da inserire nella PA: questa la proposta del deputato Dem Serse Soverini allo studio del Governo. Soverini ha proposto un’ “alleanza” con la PA: delle 1200 ore 800 sono mirate a periodi di stage nelle amministrazioni pubbliche centrali e locali

Stem, alla Sant’Anna di Pisa corsi per le giovani donne

“Stem: le ragazze si mettono in gioco!”: questo il nome dell’iniziativa della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa che tra mercoledì 1 e venerdì 3 settembre terrà un corso di orientamento in presenza, dedicato a un gruppo di 25 studentesse che hanno concluso a giugno 2021 la quarta superiore, provenienti da tutta Italia, pensato con l’intento di promuovere la loro partecipazione a percorsi di laurea in uno dei settori di scienza, tecnologia, ingegneria, matematica. Le partecipanti, selezionate tra studentesse di alto merito, avranno modo di confrontarsi con docenti e con esperti sulle sfide del mondo di domani e di conoscere i contenuti e le prospettive aperte dallo studio di discipline quali le biotecnologie, la robotica, l’informatica e la fisica.

La Regione Lazio punta ad attivare 6 percorsi di studio “Tech & Green”

Tecnologie della informazione e della comunicazione – Sviluppo di Software e competenze digitali; Mobilità sostenibile – Logistica 4.0 e intermodalità sostenibile; Nuove tecnologie della vita- Biotecnologie industriali e ambientali; Nuove tecnologie per il Made in Italy – Sistema moda; Nuove tecnologie per il Made in Italy – Sistema Agroalimentare; Efficienza energetica. Questi i 6 nuovi percorsi di studio che la Regione Lazio punta ad attivare negli Istituti Tecnici Superiori (Its).

Vogliamo aumentare, potenziare e diversificare l’offerta formativa. Con la pubblicazione di un avviso pubblico, si apre la presentazione delle manifestazioni di interesse per la costituzione di nuove fondazioni e nuovi percorsi nell’ambito di quelle esistenti”, annuncia Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro, Scuola e Formazione della Regione.

Aspi a caccia di informatici

Nell’ambito del piano 2021-2024, Aspi (Autostrade per l’Italia) prevede di assumere altre 2.900 persone, distribuite tra le varie società del gruppo e in particolare entro il 2021 il gruppo procederà con circa 800 assunzioni con articolare attenzione a ingegneri e informatici.  In dettaglio, l’azienda punta sui laureati in ingegneria civile, edile, geotecnica, ambiente e territorio e in ingegneria gestionale. C’è  spazio anche per i laureati in Economia e in Giurisprudenza, per i  geometri, per i periti elettronici e industriali e per i giovani in possesso di diploma tecnico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
cybersecurity
I
industria 4.0
I
its
L
lavoro

Articolo 1 di 5