Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

GAMING

Riccardo Zacconi lascia la guida di Candy Crush

Dal 1° luglio il manager si dimette da ceo di King Digital, l’azienda che ha fondato nel 2003 e che sviluppa la serie di giochi per smartphone, ma rimarrà come chairman

28 Mag 2019

Antonio Dini

L’italiano di maggior successo al mondo nel settore dei videogiochi fa un passo indietro. Riccardo Zacconi, il creatore di Candy Crush (la popolare serie di giochi casual gaming per smartphone), nato a Roma nel 1967 lascia infatti il suo ruolo di Ceo di King Digital, l’azienda che ha fondato a Londra nel marzo 2003, ma rimarrà come chairman per “fare da mentore” al management dell’azienda. Lo ha comunicato Activision Blizzard, il colosso dell’intrattenimento videoludico che ha comprato King Digital nel 2016 per 5,9 miliardi di dollari.

Zacconi lascerà il vertice di King Digital a partire dal primo di luglio. La sua figura è considerata una delle più importanti nel mondo del gaming mobile – Candy Crush è una delle serie di puzzle digitali da smartphone più popolari di sempre – e svolge un ruolo significativo soprattutto a Londra, dove risiede, oltre che nella Silicon Valley.

L’imprenditore, laureato a Roma in Economia alla Luiss, ha lavorato prima per Boston Consulting negli anni Novanta, per poi entrare, dopo l’inizio della cosiddetta dot com economy, in alcune aziende specializzate in portali web. Dopo aver lavorato per Spray, Lycos Europe, uDate e Match.com, nel 2003 assieme ad altri ha fondato King Digital, diventandone Ceo e trasformando l’azienda in uno dei principali successi al mondo per il casual gaming su smartphone. Con l’avvento dell’app economy Candy Crush Saga, il prodotto principale di King Digital, è diventato il prototipo del tipo di software di successo che i piccoli imprenditori e le startup digitali sognavano di realizzare.

Considerato uno dei primi esempi di modello “freemium” (si gioca gratuitamente ma per accedere a funzioni e crediti superiori occorre pagare), Candy Crush è stato scaricato quasi tre miliardi di volte e declinato in una serie di altri giochi simili (Candy Crush Soda Saga, Candy Crush Jelly Saga e Candy Crush Friends Saga) senza contare il game show coprodotto con CBS che è andato in onda dal 2017. Altri giochi sviluppati da King Digital sono Farm Hero Saga e Pet Rescue Saga.

Zacconi, oltre che imprenditore di successo, è anche impegnato attivamente nello sviluppo del settore. Supporta le attività di business italiane in Gran Bretagna, soprattutto se fatte da giovani imprenditori e a Londra propone da tempo la creazione di un distretto della città dedicato all’innovazione digitale, la tech city di East London. Ma anche nella Silicon Valley è uno dei personaggi più conosciuti, con solidi rapporti sia con Mark Zuckerberg che con Tim Cook visto che Candy Crush è una delle app di maggior successo di quelle due piattaforme. Nel 2016 il Presidente della Repubblica italiana lo ha insignito del titolo di Commendatore dell’Ordine della Stella d’Italia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

C
Candy Crush
R
Riccardo Zacconi

Articolo 1 di 4