Smart working nella PA, ecco le linee guida di Brunetta: coinvolti 32mila enti - CorCom

LAVORO

Smart working nella PA, ecco le linee guida di Brunetta: coinvolti 32mila enti

Diritto alla disconnessione e formazione specifica al centro delle nuove regole, frutto del confronto con i sindacati. Il ministro: “Orgoglioso del risultato, nel settore pubblico le soluzioni più avanzate ed efficienti”

30 Nov 2021

Veronica Balocco

Diritto alla disconnessione, alla formazione specifica, al diritto alla protezione dei dati personali, alle relazioni sindacali, al regime dei permessi e delle assenze ed alla compatibilità con ogni altro istituto del rapporto di lavoro e previsione contrattuale. E’ racchiuso in questi principi il cuore delle linee guida per lo smart working nella pubblica amministrazione, la cui stesura è giunta alla fase finale con la chiusura del confronto fra governo e organizzazioni sindacali. Come annunciato dal ministro Renato Brunetta, il lavoro anticipa ciò che sarà definito entro l’anno nei contratti di lavoro: “Il testo, adesso, sarà inviato alla Conferenza unificata – ha spiegato -. Dopo il parere della Conferenza, le 32.000 amministrazioni pubbliche saranno tenute a rispettare le linee guida, un ponte rispetto ai contratti. Alla fine del percorso, come avevamo concordato nel Patto Governo-sindacati del 10 marzo, il lavoro agile sarà contrattualizzato, dotato dei necessari e sicuri strumenti tecnologici, organizzato per obiettivi, finalizzato alla soddisfazione di cittadini e imprese, all’efficienza e alla produttività. Esprimo il mio orgoglio per il lavoro svolto: per la Pa abbiamo trovato le soluzioni più avanzate ed efficienti“.

Obiettivo: garantire condizioni di lavoro trasparenti

“La prestazione lavorativa in modalità agile è svolta senza un vincolo di orario nell’ambito delle ore massime di lavoro giornaliere e settimanali stabilite dai Ccnl”. “Devono essere individuati periodi temporali nei quali il lavoratore non può erogare alcuna prestazione lavorativa. Tali periodi comprendono la fascia di inoperabilità (disconnessione)”. “Al fine di accompagnare il percorso di introduzione e consolidamento del lavoro agile, saranno previste specifiche iniziative formative per il personale”.

WHITEPAPER
Quali saranno i costi dello smartworking nel 2022?
Risorse Umane/Organizzazione
Software

Sono alcuni dei passi più salienti delle linee guida, nate con l’obiettivo – si spiega nel documento – di “fornire indicazioni per la definizione di una disciplina che garantisca condizioni di lavoro trasparenti, che favorisca la produttività e l’orientamento ai risultati, concili le esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori con le esigenze organizzative delle pubbliche amministrazioni, consentendo, ad un tempo, il miglioramento dei servizi pubblici e dell’equilibrio fra vita professionale e vita privata”.

Soddisfazione dei sindacati

I sindacati, dal canto loro, hanno espresso soddisfazione nel merito e nel metodo. “Abbiamo costruito insieme – ha sottolineato il Ministro – uno strumento intelligente e flessibile, affidato, da un lato, all’intelligenza della contrattazione e, dall’altro lato, all’autonomia delle singole amministrazioni. Anche alla luce dell’evoluzione della pandemia, su cui io sono moderatamente ottimista, non ci saranno più decreti d’autorità sullo smart working nella Pa. Le decisioni saranno assunte dalle singole amministrazioni che, attraverso i Piani integrati di organizzazione e attività (Piao), organizzeranno il lavoro agile in modo autonomo. La Pubblica amministrazione sta dando una grande lezione di responsabilità”.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5