Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L’INTESA

Poste apre allo smart working: al via la sperimentazione

Siglato l’accordo con i sindacati per i primi test che dureranno fino a marzo 2020, coinvolgendo trecento lavoratori. Nicola Di Ceglie (Slc Cgil): “Importante strumento per la conciliazione dei tempi di vita e lavoro”

24 Gen 2019

A. S.

Poste Italiane apre la strada allo smart working, e avvia una sperimentazione che fino al 31 marzo 2020 coinvolgerà circa 300 lavoratori. Questo sarà possibile grazie all’intesa che l’azienda ha appena raggiunto con i sindacati, e che i rappresentanti dei lavoratori definiscono come un “importante e innovativo accordo in tema di lavoro agile”.

“Son certo che la fase successiva – commenta Nicola Di Ceglie, segretario nazionale Slc Cgil – consentirà a una platea più vasta di lavoratrici e lavoratori di poter fruire di un importante strumento per la conciliazione dei tempi di vita e lavoro di donne ed uomini che prestano la propria attività in Poste Italiane”.

Secondo i termini dell’accordo i lavoratori che usufruiranno dello smart working si vedranno garantite identiche condizioni economiche e normative sia per i part time che full time, oltre alla corresponsione di premi di risultato, buoni pasto, copertura per infortuni e diritti sindacali. A ciò si aggiunge, spiega il sindacato, “la priorità di accesso per le lavoratrici dopo il periodo di maternità ed i lavoratori con figli gravati da disabilità, attraverso la prestazione in lavoro agile di un giorno a settimana”.

“Questo è un ulteriore passo avanti – conclude Di Ceglie – per inserire anche Poste Italiane tra le aziende che guardano con attenzione alle esigenze del personale anche negli aspetti familiari e sociali”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
poste italiane

Approfondimenti

L
lavoro agile
S
Smart Working

Articolo 1 di 5