Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SOCIAL NETWORK

Basta odio religioso: Twitter inasprisce le regole

I tweet contro gruppi e persone saranno immediatamente rimossi. In arrivo misure ad hoc per combattere anche abusi, molestie e istigazione al suicidio

10 Lug 2019

Silvia Preti

Semaforo rosso ai tweet che incitano all’odio religioso. Dopo le regole introdotte un mese fa in tema di sicurezza, privacy e autenticità degli account, il social network ha deciso ora intervenire specificamente sul tema dell’hate speach verso le religioni.

La definizione delle nuove regole è stata preceduta da un’accurata indagine per uno spettro più ampio possibile di prospettive e per ascoltare direttamente e in maniera attiva le opinioni delle diverse comunità e culture. Il social network ha ricevuto oltre 8.000 risposte da persone di oltre 30 paesi diversi. A partire da oggi i tweet che incitano all’odio contro gruppi religiosi verranno immediatamente eliminati. Per il momento non sono previste “sospensioni” degli account ma non è da escludersi un inasprimento in caso di soggetti particolarmente “attivi” su questo fronte.

I prossimi aggiornamenti previsti – ha annunciato Twitter – riguarderanno abusi e molestie, condotte di odio, istigazione al suicidio e autolesionismo e diritti d’autore. “Tutti gli utenti di Twitter dovrebbero essere in grado di comprendere facilmente che cosa sia ammesso e che cosa non lo sia sulla piattaforma – si legge in una nota -. Come parte del nostro impegno per essere sempre più trasparenti, stiamo lavorando per assicurarci che ogni regola abbia la propria pagina di assistenza con più informazioni dettagliate e risorse rilevanti. Il nostro obiettivo rimane salvaguardare tutti e supportare conversazioni pubbliche su Twitter più sane.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

T
twitter

Approfondimenti

M
molestie sessuali
T
twitter

Articolo 1 di 4