Calcio, trova casa da Ei Towers la Var control room della Serie A - CorCom

SPORT E HI-TECH

Calcio, trova casa da Ei Towers la Var control room della Serie A

La parte che riguarda l’hardware e le infrastrutture del progetto Figc è stata approvata il 13 aprile nell’assemblea dei presidenti del massimo campionato. La sede sarà nel centro di produzione di Lissone, alle porte di Milano

14 Apr 2021

Antonello Salerno

Il progetto di una unica “control room” per il Var, il “video assistant referee” che aiuta gli arbitri a prendere le decisioni nei casi più controversi durante i match di Serie A, è ormai a un passo dalla realizzazione, e potrebbe essere operativo già durante la prossima stagione. La sede di questa cabina di regia unica per gli arbitri che assistono i colleghi in campo sarà a Lissone, all’interno del centro di produzione di Ei Towers. A formalizzare la decisione, che nasce da un progetto della Figc (Federazione italiana gioco calcio) e che nell’idea iniziale avrebbe dovuto trovare casa all’interno del centro federale di Coverciano, è stata il 13 aprile l’assemblea della Lega Serie A, chiamata a definire gli aspetti hardware  e infrastrutturali del progetto della federazione. “È stata deliberata – spiega un comunicato della Lega – la costituzione, in collaborazione con la Figc, della sala Var centralizzata, progetto fortemente voluto dal Presidente Gravina e dall’Associazione Italiana Arbitri”.

La scelta è caduta sul centro di produzione di Lissone di Ei Towers perché la tower company indipendente è specializzata nella gestione di infrastrutture per la Tv e la Radio ed è già perfettamente attrezzata, dal punto di vista tecnologico, ricevendo direttamente i segnali che arrivano dai campi della Serie A. Si tratterà ora semplicemente di attrezzare i locali, definendo gli spazi in cui il personale dell’Aia, l’associazione italiana arbitri, potrà controllare le immagini dei match fornendo tutta l’assistenza necessaria ai fischietti impegnati sul campo.

Ma la presenza della serie A nella sede di Ei Towers non si limiterà alla var centralizzata: “Le società hanno anche approvato a larga maggioranza, con 18  voti favorevoli – si legge in una nota della Lega – il progetto di creazione di un centro di produzione televisiva della Lega Serie A presso EI Towers. Tale progetto rappresenta il primo passo verso la costituzione della Media Company consentendo alla Lega Serie A una razionalizzazione dei flussi distributivi dei segnali televisivi, il deciso miglioramento della qualità degli stessi, la possibilità di produrre e distribuire i Top match in 4K, nonché il trasporto di 12 segnali a partita che consentiranno di realizzare già  nel prossimo campionato la remote production di determinati incontri”.

Il progetto potrebbe prendere il via già dalla prossima stagione, e nelle intenzioni della Figc potrebbe arrivare a essere esteso, in prospettiva, anche alla serie B. I vantaggi rispetto all’attuale gestione della Var sarebbero grandi, anche in termini di risparmi, se si considera che oggi gli assistenti della Var svolgono il proprio lavoro all’interno di regie mobili in prossimità di ogni singolo campo da gioco, con costi importanti per gli spostamenti e le trasferte.

Unificare la Var in un’unica struttura che svolga il ruolo di centro unico delle control room consentirebbe di contenere questi costi, e di dare il via a una serie di progetti improntati alla formazione e alla trasparenza che la Federazione ha già in programma. Oltre che per addestrare gli arbitri, infatti, il centro potrebbe servire per una serie di iniziative di formazione rivolte ai dirigenti dei club e alla stampa, per chiarire e dimostrare il funzionamento della Var e rendere completamente trasparente cosa avviene – durante le partite – nelle comunicazioni tra l’arbitro in campo e il suo collega dietro al monitor. Quanto alla scelta di Lissone, oltre che per la già citata disponibilità di tutte le tecnologie necessarie, è stata fatta perché un centro alle porte di Milano è logisticamente molto più comodo e facilmente raggiungibile in confronto alla toscana Coverciano, anche rispetto alla sede della Lega Serie A.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

E
ei towers
F
Figc
M
mediaset

Approfondimenti

L
lega serie a
T
Tv

Articolo 1 di 2