Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Commissioni, ok al decreto Romani. Ma l’opposizione insorge

Più poteri all’Agcom nei pareri votati alle Camere. L’attacco dei senatori Pd Luigi Vimercati e Vincenzo Vita: da stralciare gli articoli sul Web, “nulla hanno a che fare con la disciplina comunitaria”

04 Feb 2010
Via libera delle Commissioni competenti di Camera
e
Senato al decreto Romani, con l'approvazione del parere
di maggioranza. Il relatore del testo in Commmissione Lavori
pubblici e Comunicazioni in Senato,  Alessio Butti (Pdl),
annuncia “importanti novità”. Il testo approvato dalla
maggioranza con il voto contrario delle  opposizioni (Pd, Idv e
Udc) accoglie alcuni rilievi del Presidente Agcom Corrado
Calabrò e specifica meglio alcuni punti relativi al Web. Ora la
palla passa nuovamente nelle mani di Romani che si è impegnato a
modificare il decreto tenendo conto dei rilievi delle
commissioni.

“C’è una definizione più chiara dei soggetti che rientrano
nella definizione di servizi di media audiovisivo – spiega
Butti  al Corriere delle Comunicazioni -, i blog, i video
amatoriali, i giornali online, i motori di ricerca, le versioni
elettroniche delle riviste non sono disciplinati dalla nuova
normativa, sono liberi”. Nessuna censura alla Rete, dunque,
stando a ciò che dice il senatore del Pdl, che sottolinea:
"Le nuove regole non riguardano i servizi lineari (blog e
siti Internet), ma solo i servizi on demand", ovvero quelli
che 'riproducono' la televisione senza però dover
rispettare i vincoli che invece hanno i broadcaster".

La delicata questione di Youtube e degli hosting che veicolano
contenuti generati dagli utenti è affrontata dal punto tre del
parere: "la responsabilità editoriale incombe su terzi e
non sui provider che ospitano o trasmettono contenuti realizzati
da altri". 

Nel testo inoltre la Commissione esplicita che debba spettare
all'Agcom – e non al ministero – sia il controllo sui
contenuti nell'ambito dei poteri e delle competenze
riconosciute all'Autorità stessa, sia quello dei requisiti
amministrativi necessari ad avviare l'attività (la
cosiddetta Dia).

Il viceministro Paolo Romani ha apprezzato il lavoro delle
commissioni: "Terremo conto in modo rigoroso delle
osservazioni formulate". L'autore del discusso decreto
si augura "che si chiudano le polemiche su Internet e su una
presunta aggressione alla Rete che non c'è mai stata, grazie
alla previsione che delega all'Agcom l'autorizzazione per
i servizi di tv sul web"

Il testo approvato non convince, però, le opposizioni. "Il
Governo tenta di disciplinare la gestione dei contenuti in Rete
alla stregua di quelli televisivi – commenta Fabrizio Morri,
senatore del Pd -, che invece vengono veicolati tramite frequenze
concesse dallo Stato e, per questo, soggetti a controlli.
Controlli che non hanno ragione di esistere per il Web".

Anche l' ex ministro alle Comunicazioni nel governo Prodi,
Paolo Gentiloni, lancia l'affondo sul Web: "Regna la
confusione: si aggiungono varie definizioni che complicano le
cose e non si cancella l'autorizzazione, pur passandola dal
ministero all'Autorità". Rincarano la dose i senatori
Pd Luigi Vimercati e Vincenzo Vita, che chiedono di stralciare gli
articoli sul Web "che nulla hanno a che fare con la
disciplina comunitaria".

Per la senatrice Udc Dorina Bianchi (Udc) “in Italia si sta
profilando un’operazione che, in assoluta assenza di
discussione, tenta di comprimere forse definitivamente i pochi
spazi di libertà che ormai solo la rete garantisce”.

Altri rilievi contenuti nei pareri riguardano la pubblicità e
l’ordinamento automatico dei canali sul Dtt. Le telepromozioni
sono consentite solo nell’ambito dei programmi, e c’è il via
libera al product placement nei programmi sportivi. Quanto alla
Lcn, “si prevede che spetti all’autorità definire criteri e
blocchi dei numeri, nell’ambito dell’istruttoria che è già
in corso; al ministero invece va il compito di assegnare il
numero del telecomando alle emittenti e di sanzionare quelle che
non rispettano la posizione assegnata”.

Le commissioni chiedono infine di ripristinare gli obblighi
precedenti sulle quote di investimento per la tutela del prodotto
audiovisivo europeo e sulle sottoquote destinate al cinema
italiano.

 

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link